Rimosso manufatto d'amianto gettato a Torre a Mare. In 5 anni eliminate 10 tonnellate dalle strade di Bari

"Purtroppo nonostante la drammatica vicenda della Fibronit e le diverse campagne di sensibilizzazione susseguitesi negli anni - spiega l’assessore all’Ambiente Pietro Petruzzelli - nella nostra città registriamo ancora fenomeni di abbandono"

E' stato rimosso, a Torre a Mare, un manufatto in fibra d'amianto abbandonato selvaggiamente da ignoti nelle vicinanze di un cassonetto per la raccolta rifiuti, in via Morelli e Silvati. Il Comune, su segnalazione dei residenti e di alcuni consiglieri del Municipio I, ha avviato le procedure di rimozione con l'ausilio di una ditta privata. 

Si tratta dell'ennesimo caso di abbandono di rifiuti speciali per le strade di Bari. Il Comune spiega che "negli anni che vanno dal 2015 al 2019 (periodo di riferimento di due distinti accordi, il secondo dei quali ancora in essere, per lo smaltimento di questa tipologia di rifiuti) sono stati realizzati 87 interventi di raccolta di manufatti contenenti amianto abbandonati su aree pubbliche del territorio cittadino, per un totale di 10.953 kg di amianto e un costo pari a oltre 70 mila euro". L'accordo quadro biennale, stipulato con una ditta specializzata, consente di procedere più veocemente con la rimozione. In aree private, tra il 2018 e il 2019, sono stati effettuati 80 procedimenti 

La ripartizione Ambiente ha inoltre attivato un'attività di monitoraggio delle superfici amiantate: dopo aver raccolto i dati rilevati attraverso la mappatura realizzata con un sistema di riprese MIVIS - Multispectral Infrared & Visible Imaging Spectrometer /CNR, ha disposto le attività necessarie per la verifica delle condizioni delle superfici amiantate rilevate e, ove queste siano state nel frattempo oggetto di interventi di bonifica o messa in sicurezza, ha proceduto all’acquisizione della documentazione degli interventi effettuati. Nell’ambito di questa attività, durante il 2019 sono stati condotti 57 controlli, per 7 dei quali è stato richiesto alla Polizia locale di effettuare appositi sopralluoghi, cui sono seguiti la bonifica e la messa in sicurezza di 2 coperture in materiali contenenti amianto (MCA), l’impegno alla bonifica in tempi brevi, da parte dei proprietari, di 5 coperture e il monitoraggio di altre 4 coperture sempre a cura dei relativi proprietari. Attualmente, invece, sono in corso le verifiche delle modalità di avvenuto smaltimento di 1 copertura costituita da MCA.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Purtroppo nonostante la drammatica vicenda della Fibronit e le diverse campagne di sensibilizzazione susseguitesi negli anni - spiega l’assessore all’Ambiente Pietro Petruzzelli - nella nostra città registriamo ancora fenomeni di abbandono di manufatti contenenti amianto e, spesso, quegli stessi manufatti vengono rimossi in assenza delle minime condizioni di sicurezza. Si tratta di azioni sconsiderate che per di più non tengono conto del rischio di denunce penali in caso di rimozione che non rispetti le prescrizioni previste dalla legge. Questi comportamenti costituiscono un pericolo per chi li adotta e per tutti gli altri. Fortunatamente grazie alla formula dell’accordo quadro, siamo in grado di intervenire tempestivamente sulla rimozione dei materiali contenenti amianto quando ci vengono segnalati. In questi giorni stiamo lavorando alla definizione del nuovo accordo aumentando a 80.000 euro le risorse ad esso destinate, così da poter appaltare la gara a breve per individuare il nuovo operatore economico specializzato”. conclude Petruzzelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Se mi riprendi ti butto a mare": giornalista e operatore Rai aggrediti sul lungomare mentre filmavano gli assembramenti

  • Superbonus al 110%, ristrutturare casa a costo zero: chi può richiedere la detrazione e quali lavori effettuare

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Coronavirus, al via i test sierologici gratuiti per l'indagine nazionale: 27 i Comuni della provincia di Bari coinvolti

  • Sette grandi personalità per far ripartire la Puglia: è il gruppo strategico nominato da Michele Emiliano

Torna su
BariToday è in caricamento