Archeologi per un giorno: così i piccoli alunni scoprono la storia del territorio

A Ceglie l'iniziativa dell'istituto comprensivo 16° circolo Manzoni-Lucarelli con la Pro Loco IV Municipio: guidati dalle insegnanti, i bimbi hanno simulato uno scavo archeologico, scoprendo, insieme ai reperti, storia e arte dell'antica Caelia

Elmetti sulla testa, piccole pale e rastrelli per scavare, spazzole e pennelli per ripulire con cura i reperti. E, stampati sul volto, l'entusiasmo e la meraviglia di chi si appresta a fare un'importantissima scoperta. A portare alla luce 'antichi' vasi e frammenti, i piccoli alunni di quarta e quinta elementare dell'istituto comprensivo 16° Circolo Didattico - Manzoni Lucarelli di Ceglie.

Tra storia e arte, alla scoperta dell'antica Caelia

Guidati dalle insegnanti, nel giardino della scuola media 'Manzoni Lucarelli' in via Quaranta, i bambini si sono cimentati nella simulazione di uno scavo archeologico, portando alla luce un sarcofago e le anfore contenute al suo interno. Riproduzioni di reperti realmente ritrovati nell'area di Ceglie, come nel caso di quelli recuperati nelle antiche tombe risalenti al IV secolo A.C., scoperte di recente proprio a due passi dalla scuola. L'iniziativa, organizzata con la collaborazione della Pro Loco del IV Municipio - che ha fornito le riproduzioni e allestito materialmente il 'sito' archeologico - ha rappresentato il momento conclusivo di un progetto Pon per la valorizzazione del patrimonio artistico, che ha visto i piccoli alunni impegnati in una serie di attività, tra lezioni sulla storia del territorio, visite guidate e realizzazione di piccoli vasi che riproducono nelle forme e nelle decorazioni quelli in uso nell'antica Caelia, uno dei centri principali dei Peuceti e importante municipium durante il periodo romano. Un duplice percorso, dunque, in cui la scoperta del passato, delle origini, è andata di pari passo con lo studio del lavoro dell'archeologo e con le attività manipolative e artistiche. Le diverse fasi del progetto sono state curate dalle insegnanti Annalisa Calabrese e Rossella Laricchia, rispettivamente in qualità di esperto e tutor.

"Un patrimonio da valorizzare", l'impegno di scuola e Pro Loco

"Sono anni che la scuola collabora attivamente con la Pro Loco e il Municipio per la valorizzazione del patrimonio di Ceglie. Così - spiega la dirigente scolastica, Laura Raimondi - ci è venuta l'idea di sfruttare questa occasione per consentire ai ragazzi di conoscere attraverso un'esperienza vissuta quelle che sono le loro radici e la loro storia". "Questo - aggiunge Raimondi - è stato uno dei moduli, ma ce ne stati altri, sempre organizzati tramite il Pon, che ha visto impegnati anche ragazzi delle scuole superiori, che hanno seguito percorsi diversi ma sempre mirati a recuperare quello che è il patrimonio artistico del luogo". "La Pro Loco è da sempre vicina alle scuole, nel solco della propria tradizione e del proprio statuto - commenta Rocco De Adessis, presidente della Pro Loco del IV Municipio - Da sempre il nostro impegno è quello di far conoscere, valorizzare, riportare alla luce i tesori della nostra storia e del nostro passato. E anche in questa occasione abbiamo accettato di buon grado la collaborazione con l'istituto Manzoni-Lucarelli, e speriamo che le altre istituzioni scolastiche del territorio ci siano vicine in queste attività".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha un malore alla guida e finisce contro un'auto: incidente mortale a Poggiofranco

  • Blitz a Bari, raffica di arresti nel clan Parisi-Palermiti-Milella: smantellati arsenale da guerra e traffico di droga

  • Colpo al clan Parisi-Palermiti-Milella: i nomi degli arrestati nel blitz dei carabinieri a Bari

  • Capodanno a Bari con lo show in piazza Libertà: anche quest'anno il concerto in diretta su Canale 5

  • Alla guida senza patente e con addosso eroina, non si ferma all'alt della polizia: inseguimento da film in Tangenziale

  • Da Bari vasta operazione antimafia: scacco matto a due pericolosi gruppi criminali nigeriani, decine di arresti

Torna su
BariToday è in caricamento