Stop a gratta e vinci, Lotto e Superenalotto per evitare assembramenti nelle tabaccherie: la proposta di Decaro e degli altri sindaci

E' quanto potrebbe accadere a causa dell'emergenza coronavirus in Italia. Allo studio dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli c'è una proposta da inserire nel prossimo decreto del governo

Sospendere gratta e vinci e anche i giochi pubblici, dal Lotto al Superenalotto alle Lotterie: è quanto potrebbe accadere a causa dell'emergenza coronavirus in Italia. Allo studio dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli c'è una proposta dei sindaci italiani, avanzata dal presidente Anci e primo cittadino di Bari, Antonio Decaro, per stoppare i giochi ed evitare così occasioni di assembramento per gli anziani e non solo, i quali si recano in tabaccheria per acquistare un biglietto o giocare numeri. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il confronto potrebbe avere un esito positivo nei prossimi giorni, con l'inserimento delle norme in un nuovo decreto che il governo potrebbe varare a breve. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Se mi riprendi ti butto a mare": giornalista e operatore Rai aggrediti sul lungomare mentre filmavano gli assembramenti

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Superbonus al 110%, ristrutturare casa a costo zero: chi può richiedere la detrazione e quali lavori effettuare

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Coronavirus, al via i test sierologici gratuiti per l'indagine nazionale: 27 i Comuni della provincia di Bari coinvolti

  • Le Frecce Tricolori arrivano a Bari. Sorvolo in mattinata, la Prefettura: "Evitate gli assembramenti"

Torna su
BariToday è in caricamento