Maxi finanziamento per il restauro di Torre Calderina a Molfetta: "Sarà tappa di un Cammino costiero"

Disposti 527mila euro dal Piano Interreg Italia-Grecia per il restauro della torre risalente al '500. L'obiettivo della misura è realizzare Cammino dei fari e delle torri di avvistamento costiere, che coinvolge anche Bari, Margherita di Savoia, Otranto, Ugento e Vieste

Rinasce a nuova vita Torre Calderina, la cinquecentesca torre a picco sul litorale molfettese, che in epoca medievale permetteva la difesa del porto di San Giacomo, approdo medievale di Molfetta. E lo farà grazie a un maxi finanziamento di 572mila euro, disposto nell'ambito del Piano di cooperazione Interreg Italia-Grecia. Si tratta dell'opera che ha ricevuto la somma più importante per il restauro, mentre importi meno elevati sono stati disposti per i comuni di Bari, Margherita di Savoia, Otranto, Ugento e Vieste.

Il piano di finanziamento per un Cammino costiero

La misura ha come obiettivo appunto la ristrutturazione e all’allestimento di architetture e fortificazioni costiere. Atto propedeutico a uno sviluppo turistico dell'intero territorio pugliese: le 'torri' faranno parte del Cammino dei fari e delle torri di avvistamento costiere lungo la costa adriatica. I 572mila euro di finanziamento vanno poi ad aggiungersi al milione e 300mila euro ottenuto per la riqualificazione della fascia costiera compresa tra cala san Giacomo e Torre Calderina, per un importo totale di quasi due milioni di euro. La riqualificazione punterà anche al recupero della viabilità esistente, alla realizzazione di aree verdi pubbliche con essenze mediterranee, aree attrezzate per il fitness, il pic nic e il bird watching. Sempre per Torre Calderina, 'consegnata' dal Demanio nei giorni scorsi, il Comune di Molfetta ha ottenuto anche 25mila euro, dalla Regione Puglia, sezione demanio e patrimonio, per i primi interventi di messa in sicurezza e accessibilità che partiranno a breve.

Torre_Calderina1-2

"Siamo riusciti ad ottenere un risultato brillante – sottolinea l’assessore all’urbanistica di Molfetta, Pietro Mastropasqua - grazie anche alla fattiva e costruttiva collaborazione tra l’amministrazione comunale e la Regione Puglia oltre che tra i nostri uffici e il Dipartimento turismo economia della cultura e valorizzazione del territorio, diretta da Aldo Patruno, che consentirà di riqualificare Torre Calderina, una dei simboli di Molfetta e di avviare la riqualificazione completa di uno dei tratti di costa più belli e martoriati del territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo in arrivo e allerta arancione sul Barese: scuole chiuse in alcuni Comuni

  • Incidente stradale, terribile tragedia nel Barese: uomo investito e ucciso mentre stava tornando a casa

  • Crollano calcinacci dal cavalcavia della SS16, danni alle auto: tratto chiuso al traffico

  • Lotta ai tumori, il cioccolato 'nero' è un alleato della prevenzione. Ricercatore di Bari: "20 grammi ogni due giorni"

  • Ramo si spezza per il forte vento e lo investe in pieno: un morto nel Barese

  • Attimi di tensione in una scuola, papà entra e schiaffeggia 14enne: "Lascia stare mio figlio"

Torna su
BariToday è in caricamento