Stop alle discriminazioni, anche a Bari la Giornata Mondiale contro omofobia e transfobia: "Legge regionale bloccata"

Tante iniziative in programma nel capoluogo pugliese: in piazza del Ferrarese appuntamento con riflessioni, attività e flash mob. Arcigay: "Non bastano i passi avanti degli ultimi anni"

Stereotipi quotidiani che si trasformano in insulti, diventando in breve tempo emarginazione e violenza. Discriminare è sinonimo di ignoranza e in Puglia la strada contro omofobia, bifobia e transfobia è ancora lunga, nonostante qualche passo avanti negli ultimi anni. Nella Giornata mondiale sul tema, gli attivisti di Arcigay Bari hanno organizzato in piazza del Ferrarese un pomeriggio di attività per sensibilizzare la comunità cittadina contro ogni discriminazione basata sull'orientamento sessuale. Tante le iniziative in programma: dal mini-musical di un gruppo di migranti fuggiti dall'Africa per le persecuzioni e le violenze subite, al 'vero o falso' per smascherare pregiudizi e false convinzioni, fino all'Indovina Chi con le facce e le storie di coloro che hanno provato l'orribile esperienza delle discriminazioni in famiglia, sul luogo di lavoro e nella vita di tutti i giorni.

Legge sull'omofobia, strada ancora lunga in Regione

Un appuntamento importante in una Regione dove la legge contro l'omo-bi-transfobia è lontana dall'approvazione, incagliata nelle sabbie mobili delle Commissioni di via Capruzzi: "In questi mesi - spiega Giuseppe Bastiano, attivista di Arcigay Bari - c'è stato un netto ostruzionismo da parte di associazioni cattoliche che si oppongono al provvedimento. La situazione politica, inoltre, non aiuta. Si tratta di una legge che, per quanto sia decisamente migliorabile, rischia di non vedere mai la luce". Tutto questo, in un territorio dove rispetto a qualche anno fa, nonostante tutto, si registra una leggera evoluzione: "Qui in Puglia sono stati fatti diversi passi avanti negli ultimi anni ma il lavoro non è concluso. Spesso accogliamo ragazzi e ragazze discriminati dalle famiglie o dai compagni. Per questo è giusto continuare ad educare e spiegare, nonostante vi sia un clima sociale che vede le minoranze come una valvola di sfogo dei malumori".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Giocolieri, maghi, acrobati e musicisti: il festival degli artisti di strada anima Bari vecchia

  • Cronaca

    Prima domenica di controesodo: traffico intenso sulla statale 16 in direzione nord

  • Attualità

    Rifiuti abbandonati e divieti ignorati, gli abusi sulle coste denunciati al numero verde: "Oltre 300 segnalazioni in due mesi"

  • Eventi

    In gara per il sogno di Miss Italia: a Cellamare le finali regionali

I più letti della settimana

  • Caos Palagiustizia a Bari, annullato trasferimento degli uffici giudiziari in via Oberdan

  • Violenta studentessa 19enne sul treno Lecce-Bologna: arrestato 40enne

  • Scontro tra auto e camion sulla Noicattaro-Casamassima: muoiono madre e figlia

  • Lite in famiglia degenera in coltellate durante il pranzo di Ferragosto: due feriti gravi al San Paolo

  • Nuove scosse di terremoto in Molise: avvertite anche a Bari e in provincia

  • "C'è un cane in tangenziale", la polizia stradale interviene per salvarlo

Torna su
BariToday è in caricamento