Il Consiglio regionale pugliese dice sì al Reddito energetico: agevolazioni per il fotovoltaico in case e palazzi

Si tratta della prima regione in Italia ad adottare la norma: a disposizione fondi per installare impianti aiutando famiglie in difficoltà e coppie giovani

La Puglia è la prima regione in Italia ad avere una legge sul 'Reddito energetico regionale'. Il sì, alla proposta che vede primo firmatario Antonio Trevisi del M5S, è arrivato all'unanimità nel corso della seduta odierna del Consiglio regionale in via Gentile. Previsto per il 2019 uno stanziamento di 5,9 milioni di euro. 

Come funziona il reddito energetico

La norma prevede che la Regione acquisti e metta a disposizione impianti fotovoltaici che potranno essere installati sui tetti di palazzi e abitazioni di persone con problemi economici. L'impianto potrà essere assegnato in comodato d'uso. L'iniziativa, già sperimentata in Sardegna, nel Comune di Porto Torres, in provincia di Sassari, potrà permettere di abbattere i costi della bolletta con l'energia autoprodotta. Nelle prossime settimane sarà reso noto il regolamento d'accesso al servizio: previste agevolazioni per i nuclei familiari poveri, numerosi o le giovani coppie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxitamponamento a catena sulla Statale 16 a Palese: diversi feriti, traffico in tilt

  • Nonnina fortunata a Bari: 90enne si aggiudica 200mila euro al Gratta e Vinci

  • Coronavirus, caso sospetto a Bari: accertamenti su paziente ricoverata al Policlinico, rientrava dalla Cina

  • Ludovica volata via a soli 18 anni, il Ministero le concede il diploma alla memoria: "Una borsa di studio in suo onore"

  • La dea bendata bacia anche Rutigliano: sbancato il gratta e vinci, fortunato si aggiudica 2 milioni di euro

  • Nunzia superstar a New York: le orecchiette di Bari Vecchia conquistano il 'Travel Show'

Torna su
BariToday è in caricamento