Fango e pozzanghere su via Germania, la rabbia dei residenti. Il Comune: "Vicino sblocco dei lavori per la fogna"

Gli abitanti scrivono al sindaco Decaro attraverso i social network. L'assessore Galasso: "In procinto di superare le difficoltà burocratiche. A gennaio si dovrebbe cominciare"

Foto Fb Antonio Decaro

Asfalto che non c'è, pozzanghere e fango a far compagnia durante le passeggiate dei residenti di via Germania e dintorni, in attesa di risolvere un problema piuttosto desolante, come richiesto da tanto, troppo tempo. I cittadini del comparto 2 di Sant'Anna hanno scritto per l'ennesima volta al sindaco Antonio Decaro, attraverso la sua pagina Facebook, postando una foto piuttosto significativa dello stato dei luoghi, decisamente disagevoli per i pedoni e le auto.

"Cantieri entro il 20 dicembre"

Per gli abitanti, è una situazione che sembra non abbia mai fine, bloccata dalla burocrazia e dalle procedure. Di fatto, fino a quando non saranno sbloccati e terminati i lavori sulla fogna, non si potrà procedere all'asfaltatura. Un cane che si morde la coda, a tutto svantaggio di chi, in quella strada, ci vive. Qualche novità, però, è attesa entro la fine dell'anno. I cantieri dovrebbero ripartire, spiegano da Palazzo di Città, entro il 20 dicembre: "Nei mesi scorsi - afferma l'assessore cittadino ai Lavori Pubblici, Giuseppe Galasso - abbiamo cercato di sbloccare la situazione venendo incontro all'azienda attuatrice, in difficoltà economiche. Essendo opere di urbanizzazione, il pagamento viene effettuato a scomputo, con il Comune che eroga la sua quota di partecipazione a lavoro finito. Abbiamo approvato una delibera, individuato risorse e assegnandole a loro con l'impegno di utilizzarle per quello scopo. Nei prossimi giorni dovrebbero essere superate ulteriori difficoltà burocratiche, con la conseguente ripartenza dei cantieri".

Novità anche sulla vasca di laminazione

Tempo 4-6 mesi e gli interventi potrebbero essere conclusi. L'esecuzione consentirà di sbloccare tutto il resto, a cominciare dal completamento delle strade e dell'illuminazione pubblica. Potrebbe, però, non essere l'unica novità prevista per il 2019 nel quartiere alla periferia sud di Bari: "Nei prossimi giorni - dice Galasso - contrattualizzeremo l'appalto della vasca di laminazione. E' stato già avviato l'esproprio di alcuni terreni. A gennaio auspichiamo ci sia l'inizio delle lavorazioni che dureranno circa 6 mesi". Al termine, la zona perderà il vincolo idrogeologico e diventerà pienamente edificabile, permettendo di procedere, finalmente, con i palazzi del comparto 3 e 2 non ancora realizzati e nei quali diversi cittadini attendono finalmente di vedere realizzata la loro casa, acquistata tempo fa. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Aggressione dopo il corteo antirazzista al Libertà, sequestrata la sede di Casapound

  • Politica

    Primarie del Centrodestra per le Comunali, il 14 primo tavolo per le regole: mano tesa a Forza Italia

  • Attualità

    Primi fiocchi di neve nel Barese: la magia della Murgia imbiancata

  • Cronaca

    Le mani del clan Capriati sul porto: chieste 24 condanne

I più letti della settimana

  • Finisce con la vettura contro un albero, muore un automobilista. Moglie ricoverata in codice rosso

  • Armi usate per la guerra tra i clan ed estorsioni ai commercianti baresi: 14 persone fermate

  • Guerra tra i clan in città ed estorsioni, blitz dei Carabinieri: i nomi dei 14 fermati

  • Checco Zalone pronto a tornare sul grande schermo: il nuovo film tra immigrazione ed ironia

  • Guerra tra clan baresi per ''controllare" il quartiere Madonnella: 13 persone in manette

  • Padre e figlio uccisi in due agguati al Libertà, otto a processo: chiesti sei ergastoli

Torna su
BariToday è in caricamento