Cinque trapianti in due giorni effettuati con successo al Policlinico di Bari: l'emergenza covid non ferma medici e operatori

A donare gli organi che hanno consentito di effettuare gli interventi di sabato è stata una donna di 56 anni ricoverata a Brindisi nell’ospedale Perrino. Venerdì, invece, è stata la volta di un donatore 56enne

Ben cinque trapianti in due giorni sono stati eseguiti al Policlinico di Bari. Un lavoro incessante per garantire la salute e la vita, nonostante le difficoltà legate all'emergenza coronavirus. Complessivamente sono stati eseguiti, nella giornata di sabato, due trapianti di rene e uno din fegato mentre venerdì sono stati portati a termine altri due di rene.  

 A donare gli organi che hanno consentito di effettuare gli interventi di sabato è stata una donna di 56 anni ricoverata a Brindisi nell’ospedale Perrino. Grazie alla generosità dei figli della signora
 che hanno dato il consenso alla donazione, continueranno a vivere altre  cinque persone, di tre pazienti di 44, 51 e 52 anni. Venerdì,  invece, grazie a un donatore 56enne che era ricoverato al Policlinico di Bari sono stati effettuati altri due trapianti di rene su due pazienti di 54 e 44 anni.

“Celebriamo la Pasqua nel migliore dei modi donando nuova vita attraverso i trapianti a cinque persone – commenta il coordinatore del centro regionale trapianti, Loreto Gesualdo – la scelta generosa di donare gli organi incarna nella maniera più autentica il significato della Pasqua: la vita continua anche dopo la morte e oggi più che mai  festeggiamo la rinascita. La Rete dei trapianti, nonostante il Covid, non si ferma”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“I cinque interventi eseguiti non sono semplici trapianti, ma messaggi di speranza – dichiara il direttore generale del Policlinico di Bari,  Giovanni Migliore –  Quelli che fino a ieri erano operazioni routinarie, oggi, in piena emergenza Covid, ci sembrano quasi eccezionali, eppure ci restituiscono quella sensazione di normalità che ci manca e che speriamo presto di recuperare. I professionisti del Policlinico di Bari stanno dando prova di grande generosità e di competenza nell’affrontare non solo l’emergenza Covid, ma anche tutte le altre urgenze a cui il sistema sanitario non può sottrarsi e che continueremo ad assicurare con i  massimo sforzo organizzativo”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tre nuovi casi in Puglia: due sono in provincia di Bari. Non si registrano decessi

  • Pesce e molluschi non tracciati pronti per la vendita: chiuso stabilimento ittico a Bari, scattano sanzioni salate

  • Spari nel bar affollato dopo la lite in strada, preso 32enne: era anche ricercato per traffico di droga

  • Al ristorante e in auto, stop al distanziamento per congiunti e 'frequentatori abituali': la Regione allenta le restrizioni

  • Tre nuovi casi di Coronavirus in Puglia: un contagio registrato in provincia di Bari

  • Due monopattini del servizio sharing rubati e recuperati dalla polizia: uno rintracciato in tempo reale grazie al segnale gps

Torna su
BariToday è in caricamento