Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'orchestra della Città metropolitana suona (a distanza) Mozart per omaggiare i medici baresi

Il video, realizzato in collaborazione con la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo), è dedicato a chi ogni giorno lotta per salvare l'Italia dal Covid

 

L'orchestra sinfonica della Città metropolitana di Bari suona (rigorosamente da casa) per omaggiare i medici. Un omaggio, in collaborazione con la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo), dedicato a chi ogni giorno mette a rischio la sua vita per combattere la battaglia contro il Covid-19. Il nuovo format - intitolato 'Mondrian Musicale' - vede i musicisti eseguire la Sinfonia n. 40 in sol minore K550 di Wolfgang Amadeus Mozart. L’editing e la post-produzione audio e video sono a cura di Stones Lab, la regia è di Rocco Anelli.

L’iniziativa è nata dal desiderio espresso da Filippo Anelli, presidente della Fnomceo, in una lettera inviata a metà aprile al sindaco Antonio Decaro e allo Stato maggiore dell’Istituzione Concertistica Orchestruale e della Città metropolitana di Bari: il direttore artistico Marco Renzi, la consigliera delegata Francesca Pietroforte, la dirigente Maria Grazia Magenta.

"Abbiamo chiesto all’orchestra - spiega Anelli - di organizzare una serie di concerti on line da dedicare a tutti gli operatori sanitari, in prima linea ogni giorno nella lotta al coronavirus, a tutti gli ammalati e ai loro cari che soffrono a causa di questa terribile malattia. L’obiettivo è quello di lenire il dolore e alleviare fatiche e sofferenze lasciando parlare la musica. È una collaborazione a cui teniamo molto, dopo i concerti realizzati per ricordare la dottoressa Paola Labriola, uccisa per mano di un paziente. Ancora una volta, crediamo che la musica possa essere la miglior medicina, il filo conduttore in grado di stabilire un contatto emotivo di infondere speranza e generare forze consapevolezza nell’intera collettività”.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BariToday è in caricamento