Conferenza "Vivi! .... e lasciami morire"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Son trascorse alcune settimane da quando la Corte Costituzionale ha assunto una inaspettata soluzione sul complesso caso Cappato-DJ Fabo, riaffidando con un colpo da maestro al Parlamento la responsabilità di varare entro un anno una legge sul suicido assistito. E per tale sua decisione la Consulta ha addotto quale motivazione la presenza di vuoti di tutela nella legge vigente, aggiungendo che in difetto provvederebbe lei stessa con una sentenza. La società civile, che indagini demoscopiche affermano essere favorevole ad una regolamentazione in senso liberale della materia, è già in fermento ed attende con ansia le decisioni del suo legislatore. Ma la politica, ci chiediamo, è pronta per questo passo? È disponibile a riconoscere ad ogni individuo questa ulteriore ed attesa porzione di emancipazione nonché di autonomia decisionale e di libero arbitrio nelle scelte squisitamente personali che riguardano il suo rapporto con la vita? Si cercherà di dare una risposta a queste domande nella conferenza dal titolo Vivi ... e lasciami morire!” che si terrà presso la sala Beatrice Romita del Comando di Polizia Municipale di Modugno (sito in via Maranda 52) alle ore 18,00 del 22 novembre 2018. Esprimeranno il loro parere al riguardo due qualificati relatori che, militando da tempo in due associazioni che hanno fatto delle scelte di fine vita il loro obiettivo attuale e prioritario, illustreranno le motivazioni e la genesi delle rivendicazioni che incidono sulla sfera personale in materia religiosa e di filosofia di vita. Al termine degli interventi entrambi i relatori, Norberto Guerriero, dell'associazione Luca Coscioni, ed Emilio Coveri, Presidente di EXIT ITALIA, risponderanno alle domande del pubblico ed animeranno un dibattito su tematiche attuali che si preannuncia vivace ed eterogeneo. L'ingresso è libero. Si allega il file della locandina

Torna su
BariToday è in caricamento