L'ulivo di Monopoli non è affetto da Xylella, si restringe l'area cuscinetto nel Barese: escono Conversano e Polignano

Gli esami negativi sulla pianta hanno permesso di ridimensionare l'emergenza che sembrava fosse alle porte di Bari. Coldiretti: "Tiriamo un sospiro di sollievo"

Si restringe l'area cuscinetto della Xylella in Puglia e nel barese: i Comuni di Polignano e Conversano, infatti, sono nuovamente fuori dalla zona dopo la determinazione del Servizio fitosanitario regionale del 21 maggio scorso a seguito della vicenda di un ulivo di Monopoli dichiarato inizialmente infetto e poi, a seguito di esami negativi, sano, con il conseguente blocco della sua eradicazione.

La notizia è stata commentata positivamente da Coldiretti Puglia: "Tiriamo un sospiro di sollievo - spiega il presidente Savino Muraglia. La questione aveva portato effetti negativi sull'agricoltura e sull'intera Puglia, con un danno in termini di immagine, di misure fitosanitarie obbligatorie da applicare, di tensione sociale, di preoccupazione per l'agricoltore e per tutti gli olivicoltori della provincia di Bari. Eppure dopo 5 mesi, per non meglio precisate 'anomalie nella catalogazione' si ribalta il verdetto con nuovi campionamenti e relative analisi e risulta per fortuna sano, non infetto da Xylella".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coldiretti chiede che venga convocato "immediatamente e a ritmo costante il tavolo istituzionale istituito dopo la nostra manifestazione del 9 marzo a Lecce che prevede la partecipazione anche dell’Osservatorio fitosanitario e degli enti di ricerca, per affrontare in maniera compatta tutte le problematiche che oggi ricadono esclusivamente sulla pelle delle imprese delle aree infette, contenimento e cuscinetto. L’assessorato regionale all’Agricoltura non può fare finta di nulla. Monitoraggio e campionamento sono attività cruciali - aggiunge Muraglia - considerato che non esiste ancora una cura per la batteriosi, per l'individuazione dei focolai nei primissimi stadi della infezione su piante sensibili e la successiva rimozione secondo legge, così come il controllo della presenza di potenziali vettori contaminati, restano l'unica soluzione per ridurre la velocità di avanzamento della infezione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro nel ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Coronavirus, al via i test sierologici gratuiti per l'indagine nazionale: 27 i Comuni della provincia di Bari coinvolti

Torna su
BariToday è in caricamento