Calci e pugni al poliziotto intervenuto per la musica troppo alta, arrestato 33enne

E' avvenuto in un campeggio a nord di Monopoli dove un cittadino irlandese si è rifiutato di fornire le sue generalità: successivamente è stato condannato per direttissima a 10 mesi di detenzione

Aggredisce con calci e pugni uno degli agenti intervenuti a seguito delle segnalazioni per il volume troppo alto della musica. L'episodio è avvenuto la scorsa notte in un campeggio nella zona sud di Monopoli, dove diversi turisti si erano lamentati della radio lasciata accesa da un gruppo di persone, tanto da chiamare la polizia.

Una volta arrivati sul luogo gli agenti hanno chiesto le generalità ai presenti - alcuni in stato di ebbrezza - notando però che un gruppo di irlandesi accompagna in un camper un loro connazionale: il 33enne F.M.W , che ha poi chiesto agli amici di non essere identificato. L'uomo ha infine aggredito uno degli agenti, causandogli lesioni giudicate guaribili in cinque giorni.

Dopo l'arresto in flagranza di reato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale, l'irlandese è stato processato per direttissima e condannato a 10 mesi (pena sospesa).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è il 'paziente 1' in Puglia: era tornato dalla Lombardia, ora è in isolamento in ospedale

  • Due baresi morti nel terribile incidente di Mottola: le vittime sono tre, altrettanti i feriti di cui uno in gravi condizioni

  • Panico da Coronavirus, l'ordine degli psicologi in Puglia lancia l'allarme: "State lontani dai social, veicolano solo terrore"

  • Cinque casi sovrapponibili al coronavirus in Puglia, scatta il censimento per chi arriva dalle regioni del contagio

  • Scontri tra tifosi baresi e leccesi in autostrada a Cerignola: veicoli in fiamme

  • A Santa Caterina apre il nuovo Parco Commerciale: dal 28 febbraio l'inaugurazione dei primi maxi store

Torna su
BariToday è in caricamento