Lite per una mancata precedenza, 28enne ucciso a coltellate: fermato l'aggressore

L'episodio giovedì pomeriggio ad Andria. La polizia ha identificato il presunto autore dell'omicidio, avvenuto sotto gli occhi di moglie e figlioletto della vittima: si tratta di un 50enne del luogo con precedenti

Ucciso in strada a coltellate nel corso di una lite per una mancata precedenza, sotto gli occhi della moglie e del figlioletto. E' accaduto giovedì pomeriggio ad Andria: vittima un 28enne, Giovanni Di Vito.

Secondo quanto ricostruito, il 28enne era alla guida della propria Chevrolet insieme a moglie e figlio, quando, dopo un diverbio con persona che viaggiava a bordo di un’altra autovettura, era stato colpito da un fendente mortale all’altezza del torace. Trasportato presso l’Ospedale di Andria, era deceduto subito dopo.

Le immediate indagini avviate dalla polizia hanno consentito, attraverso un attento esame delle telecamere di video-sorveglianza e l’escussione di alcuni testimoni presenti sul luogo dell’aggressione, di individuare e fermare il presunto aggressore, un 50enne andriese con precedenti, fermato mentre viaggiava a bordo della propria autovettura.

Gli elementi di responsabilità raccolti, in relazione alla gravità del fatto, hanno condotto quindi all’emissione del provvedimento di fermo del P.M. L’uomo si trova ora in carcere a Trani.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Abbonamenti abusivi alla tv a pagamento, blitz in Italia e in Europa: scattano gli arresti, centrale anche a Bari

  • Desiderate che il vostro bucato sia profumato? Tutto dipende dalla pulizia della vostra lavatrice

  • Omicidio a San Pio, proseguono le indagini sul delitto. Michele Ranieri cognato di Vincenzo Strisciuglio

  • Svaligiano appartamento di un'anziana, scatta l'inseguimento per le vie di Carrassi: presi due giovani

  • Rissa in strada al Libertà, intervengono le Forze dell'ordine: "Bottiglie di vetro usate come armi"

  • Furto notturno nella stazione di servizio: ladri in fuga dalla polizia si schiantano contro recinzione

Torna su
BariToday è in caricamento