L'Arma dei Carabinieri celebra il 198° anniversario della Fondazione

Nella caserma "Porcelli", sede del Comando dell'11° Battaglione Carabinieri "Puglia", la cerimonia di commemorazione per l'anniversario della fondazione dell'Arma. Consegnati 30 riconoscimenti ad altrettanti militari che si sono distinti nel compimento delle loro attività istituzionali

Un momento della cerimonia nella caserma Porcelli

Da 198 anni al servizio dei cittadini e del Paese. L'Arma dei Carabinieri ha festeggiato ieri l'anniversario della sua fondazione. A Bari la cerimonia commemorativa si è tenuta presso la caserma “Porcelli”, sede del Comando dell’11° Battaglione Carabinieri “Puglia”, alla presenza di autorità civili, religiose e militari, aperta da un minuto di silenzio in memoria delle vittime del sisma che ha colpito l’Emilia Romagna.

LA CERIMONIA E LA CONSEGNA DEI RICONOSCIMENTI - In rappresentanza delle varie componenti operanti nella Legione Carabinieri Puglia, è stato schierato un Battaglione di formazione su cinque Compagnie, che ha reso gli onori iniziali al Comandante della Legione Carabinieri “Puglia”, Generale di Divisione Aldo Visone, il quale ha passato in rassegna i Reparti. Dello schieramento hanno fatto parte anche la Fanfara del Comando Scuole Aeronautica Militare III^ Regione Aerea, i Gonfaloni della Regione Puglia, della Provincia e del Comune di Bari, i rappresentanti  dell'Associazione Nazionale Carabinieri, i Labari ed i Medaglieri delle Associazioni Combattentistiche e d'Arma. Nel corso della cerimonia infatti, il Comandante della Legione Carabinieri “Puglia”, ha consegnato 30 riconoscimenti ad altrettanti militari premiando alcuni Comandanti di Stazione che si sono particolarmente distinti nel compimento delle loro attività istituzionali. Ma la manifestazione è stata anche un’occasione per fare un bilancio dei risultati conseguiti e di quelli ancora da raggiungere.

IL BILANCIO DEL 2011 - In Puglia nel 2011 i carabinieri hanno perseguito oltre 117.000 reati denunciando 22.691 persone e arrestandone 5.644. In particolare, sono stati identificati i presunti autori di 19 omicidi e di 317 rapine.  Riguardo alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti sono state 891 le persone arrestate, 390 quelle denunciate, 5096 gli assuntori segnalati in via amministrativa. Dal canto suo, la polizia giudiziaria ha compiuto 518.530 atti tra perquisizioni, sequestri e confronti personali. Nell'ambito delle attività investigative, è stato dato grande impulso allo sviluppo delle capacità tecnico-scientifiche, dalla rilevazione delle impronte latenti, alle tecniche di tipizzazione del Dna.
Rilevanti i risultati ottenuti sul fronte della tutela del patrimonio culturale, con 3.782 reperti archeologici recuperati e sei opere false scoperte; di tutela della salute, con 3.260 ispezioni effettuate, 1.881 infrazioni accertate, 16 persone arrestate e 355 denunciate; di tutela del lavoro e delle leggi speciali con 1.344 aziende controllate, 588 violazioni sulla sicurezza accertate, 2.971 violazioni sulla regolarità, una persona arrestata e 749 denunciate.




 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è il 'paziente 1' in Puglia: era tornato dalla Lombardia, ora è in isolamento in ospedale

  • Due baresi morti nel terribile incidente di Mottola: le vittime sono tre, altrettanti i feriti di cui uno in gravi condizioni

  • Panico da Coronavirus, l'ordine degli psicologi in Puglia lancia l'allarme: "State lontani dai social, veicolano solo terrore"

  • Cinque casi sovrapponibili al coronavirus in Puglia, scatta il censimento per chi arriva dalle regioni del contagio

  • Scontri tra tifosi baresi e leccesi in autostrada a Cerignola: veicoli in fiamme

  • A Santa Caterina apre il nuovo Parco Commerciale: dal 28 febbraio l'inaugurazione dei primi maxi store

Torna su
BariToday è in caricamento