Sgominata banda di contrabbandieri, carburante a prezzi stracciati a pompe bianche compiacenti: 16 arresti (anche a Bari)

Carburante di contrabbando in vendita alle pompe bianche, 16 arresti. L'operazione Ghost Fuel chiusa dai militari della Guardia di Finanza. A capo del sodalizio un uomo di 45 anni“

16 ordinanze di custodia cautelare di cui 14 in carcere e due ai domiciliari sono state eseguite nelle province di Roma, Latina, Napoli e Bari dai finanzieri del comando provinciale di Roma coordinati dalla DDA della Capitale nei confronti di una banda di contrabbandieri di carburante. 

Eseguiti anche quattro obblighi di dimora e nove divieti di esercitare imprese e uffici direttivi di persone giuridiche nei confronti dei componenti del sodalizio criminale accusati a vario titolo di associazione per delinquere, contrabbando di prodotti petroliferi, ricettazione e autoriciclaggio. E notificati provvedimenti di sospensione della licenza di deposito autorizzato per sedici società intestatarie di depositi commerciali e distributori stradali coinvolte nel traffico illecito.

L'organizzazione criminale con diramazioni internazionali, attraverso l'impiego di imprese intestare a "prestanome" e distributori stradali compiacenti, aveva immesso in Italia oltre 4 milioni di litri di carburante per autotrazione in completa evasione d'imposta.

Nel dettaglio, il prodotto petrolifero di contrabbando partiva dalla Slovenia e dalla Polonia all’interno di autobotti scortate da lettere di vettura internazionale attestanti il trasporto di olio lubrificante o di altra merce non soggetta ad accisa, così da eludere eventuali controlli su strada.

Non appena giunti in Italia, i carichi di gasolio venivano convogliati in luoghi di stoccaggio nella disponibilità del gruppo criminale (a Fiano Romano, via della Magliana e via della Tenuta di Santa Cecilia, zona Malagrotta), per essere travasati in altre autocisterne che – munite di nuovi documenti di accompagnamento creati ad hoc – partivano alla volta di due depositi commerciali (siti a Pomezia e Formello), individuati quale base logistica del sodalizio. 

Qui il prodotto sostava il tempo strettamente necessario per essere dirottato, “in nero”, ai distributori compiacenti (tutte “pompe bianche”) per la successiva vendita al dettaglio“

Leggi la notizia completa su RomaToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Finanza a Bari, raffica di arresti e sequestri: smantellato traffico di armi e droga dall'Albania

  • Grave incidente tra due auto: morti un uomo e una donna. Deceduto anche il loro cagnolino

  • Alla guida senza patente e con addosso eroina, non si ferma all'alt della polizia: inseguimento da film in Tangenziale

  • Traffico di droga e armi dall'Albania, quindici arresti a Bari: i nomi

  • Fulmine colpisce aereo Ryanair, odissea per i passeggeri del Bari-Londra: partiti con 10 ore di ritardo

  • Le orecchiette di Bari vecchia finiscono sul New York Times: in prima pagina il "crimine della pasta"

Torna su
BariToday è in caricamento