Schiaffi, spintoni e la 'punizione' per il pranzo non gradito: marito violento finisce in prigione

Il 30enne vessava la consorte da anni. Ieri i carabinieri di Castellana sono intervenuti dopo che la donna era stata lasciata sul balcone in balia della pioggia

Maltrattamenti in famiglia e lesioni personali: con queste accuse è finito agli arresti un 30enne di nazionalità marocchina, già noto alle Forze dell'Ordine. I carabinieri della Stazione di Castellana Grotte sono intervenuti nel pomeriggio di ieri durante un litigio in famiglia, scoprendo che l'uomo era solito maltrattare la consorte - anch'essa marocchina - da anni, arrivando anche a picchiarla. Tanto da essere stato denunciato nel 2017 per maltrattamenti verso i minori e lesioni.

La coppia aveva intrapreso anche un percorso riabilitativo, confidando nell’intervento dei centri antiviolenza e dei servizi sociali, tuttavia il ravvedimento dell’uomo di fatto non c’è mai stato. Anzi negli ultimi tempi la serenità in famiglia è stata nuovamente turbata dagli accessi d’ira del 30enne, il quale, con minacce e vessazioni, era solito lasciare la donna senza denaro per fare la spesa ai figli minori, costringendola anche a dormire per terra. L’ultimo litigio è avvenuto ieri, quando l’uomo è andato su tutte le furie poiché il pranzo non era di suo gradimento: dopo aver insultato la donna, l’uomo l’ha colpita con spintoni e schiaffi, strappandogli il telefono di mano per impedirle di chiamare il 112, dopodiché, per punizione, l’ha rinchiusa fuori sul balcone in balia della pioggia e dell’umidità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le grida di aiuto della donna non sono sfuggite ai vicini, che hanno allertato i militari. Giunti sul posto, hanno liberato la vittima ed hanno chiamato un’ambulanza del 118 per le cure sanitarie del caso. Dopo le verifiche dei fatti, per l’uomo sono scattate le manette ed è stato portato in carcere a Bari, in attesa di giudizio. Alla donna il personale sanitario del locale ospedale ha riscontrato lesioni giudicate guaribili in 10 giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

Torna su
BariToday è in caricamento