Droga, armi non registrate e munizioni nascoste in casa: 29enne finisce in carcere

Marco Barone era ai domiciliari per gli stessi reati. Nella sua abitazione i poliziotti hanno ritrovato marijuana e un revolver privo di matricola

Droga e armi - ancora cariche - non registrate nascoste in casa. Finisce in carcere per i reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e detenzione illegale di arma comune da sparo clandestina e relativo munizionamento il 29enne barese Marco Barone, fermato sabato sera nel centro di Bari. 

Nell'ambito di alcuni servizi di controllo i 'falchi' della Squadra mobile hanno effettuato una perquisizione nell'abitazione del barese, già agli arresti domiciliari per gli stessi reati, sequestrando 35 involucri in cellophane trasparente contenenti in tutto oltre 45 grammi di marijuana e un revolver calibro 357 magnum di fabbricazione russa - privo di matricola - con ancora 6 proiettili nel tamburo. Il 29enne è al momento in carcere, in attesa di giudizio.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    E' il giorno di Papa Francesco: Bergoglio a Molfetta nel nome di don Tonino Bello

  • Sport

    Divieto di trasferta per Foggia-Bari: derby di Puglia senza i tifosi biancorossi

  • Sport

    VIDEO | Derby Foggia-Bari, Decaro risponde a Landella: "Sabato si vince. Per stanare i satanelli porteremo l'acqua santa"

  • Cronaca

    Dalle estorsioni alle attività nel porto, così il clan Capriati si era riorganizzato: "Puntava a infiltrarsi nel tessuto economico della città"

I più letti della settimana

  • Blitz della Dda contro il clan Capriati, 18 in manette: i nomi degli arrestati

  • Droga, armi ed estorsioni: blitz della polizia, 18 arresti nel clan Capriati

  • Estorsioni nei cantieri edili, 35 condanne: dieci anni a Savinuccio Parisi, 20 al fratello

  • Intasca tremila euro da un imprenditore: arrestato dirigente del Policlinico

  • Podista colpito da infarto durante Vivicittà, scattano i soccorsi. Gli organizzatori: "Possedeva un certificato medico agonistico"

  • Dalle estorsioni alle attività nel porto, così il clan Capriati si era riorganizzato: "Puntava a infiltrarsi nel tessuto economico della città"

Torna su
BariToday è in caricamento