Asili sequestrati a Valenzano e nel Brindisino, Cassazione annulla il provvedimento

Il Tribunale di Bari aveva disposto il sequestro preventivo delle strutture gestite dalla cooperativa 'I cuccioli dell’Aquilone' per un' indagine su presunte truffe per ottenere finanziamenti pubblici per la gestione

La Corte di Cassazione ha annullato senza rinvio il provvedimento con cui, nell’ottobre 2018, il Tribunale di Bari aveva disposto il sequestro preventivo di tre scuole materne, due a Valenzano (Bari) e una nel Brindisino, gestite dalla cooperativa 'I cuccioli dell’Aquilone' per un' indagine su presunte truffe per ottenere finanziamenti pubblici per la gestione degli asili. La Procura di Bari, preso atto della decisione cautelare della Suprema Corte, l ha restituito i beni precedentemente in sequestro. Due delle tre strutture erano già state dissequestrate, quella in provincia di Brindisi dopo pochi giorni e una a Valenzano due mesi fa, in parte con prescrizioni sull'accesso dei bambini.

In base all'inchiesta della Procura di Bari, gli amministratori della società avrebbero, dal 2008 al 2017, percepito indebitamente sovvenzioni pubbliche per complessivi 1,5 milioni di euro, così truffando Miur, Regione Puglia e Comune di Valenzano. Per gli inquirenti avrebbero dichiarato falsamente che i due asili di Valenzano erano in possesso dei requisiti previsti, in termini di spazi e personale, per ospitare i 98 bambini iscritti. Le strutture, invece, avrebbero potuto accoglierne fino ad un massimo di 73. Delle due strutture di Valenzano sottoposte a sequestro, 'L'Aquilone' di via Loseto e 'I Piccoli dell’Aquilone' di via Scotellaro, "solo la seconda ha potuto riprendere la sua attività, mentre la prima l’ha definitivamente cessata" spiegano i difensori di due dei 10 indagati, il legale rappresentante della società cooperativa sociale 'I cuccioli dell’Aquilone' Rosa Agostinelli e suo marito, l’ex consigliere comunale di Valenzano Massimo Sollecito, ritenuto amministratore di fatto. Gli avvocati Beppe Modesti, Giuseppe Mariani e Saverio Romita, evidenziano che la sentenza della Cassazione ha ora "statuito, definitivamente, l’illegittimità" dei sequestri. "Le scuole, dunque, - dicono i legali - non dovevano essere chiuse".

Potrebbe interessarti

  • Estate 2019 tra cibo e cultura: sagre, festival e manifestazioni di Bari e provincia

  • Spaghettata di San Giovanni: tradizione e semplicità in pochi ingredienti

  • Bari Wireless: come navigare gratuitamente su Internet con un proprio PC portatile o smartphone

  • Menta, pepe di Cayenna, aglio e altri rimedi naturali per allontanare le formiche

I più letti della settimana

  • Si avvicina all'auto e tenta di portar via un bimbo di 5 anni: bloccato dai carabinieri

  • Dopo il bagno a Pane e Pomodoro, la brutta sorpresa: "Sparita la borsetta con soldi e cellulare"

  • Da Bari a Savona con camera da letto, pensili e bici sul tetto dell'auto: fermato automobilista nel Modenese

  • Tornano le aperture serali dei mercati settimanali: a luglio e agosto bancarelle al calar del sole

  • Scontro sulla statale 16: quattro veicoli coinvolti, traffico rallentato in direzione sud

  • "Scippata della borsa" a due passi dl lungomare: giovane studentessa derubata di soldi e documenti

Torna su
BariToday è in caricamento