Bancarotta da 3,1 milioni per un frantoio a Grumo: sigilli a conti, capannone e vigneto

Il provvedimento è stato emesso dal Gip di Bari su richiesta della Procura: indagati Michele Locorriere e il figlio Lorenzo. Avrebbero sottratto, in concorso, beni all'azienda in fallimento per evitare che finissero ai creditori

Due persone, padre e figlio, sono state denunciate per una bancarotta fraudolenta da circa 3,1 milioni di euro, nell'ambito dell'inchiesta riguardante il frantoio Oleario 'Locorriere Michele' di Grumo Appula, in provincia di Bari. La Guardia di Finanza ha sequestrato numerose somme di denaro depositate su conti correnti bancari, un capannone industriale adibito a opificio con annessi fabbricati utilizzati come uffici e abitazione, nonché un vigneto di 70mila mq, il tutto riconducibile all'azienda.

Il provvedimento è stato emesso dal Gip di Bari su richiesta della Procura: Secondo gli inquirenti il titolare dell'azienda, Michele Locorriere, avrebbe, in concorso con il figlio Lorenzo, a sua volta legale rappresentante di una società attiva nello stesso settore, sottratto illecitamente dalle casse dell'impresa in fallimento alcuni "beni sui quali i creditori avrebbero potuto rivalersi per soddisfare le proprie ragioni". La Gdf, oltre all'apposizione dei sigilli, ha notificato agli indagati il provvedimento del gip. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha un malore alla guida e finisce contro un'auto: incidente mortale a Poggiofranco

  • Blitz a Bari, raffica di arresti nel clan Parisi-Palermiti-Milella: smantellati arsenale da guerra e traffico di droga

  • Vigilessa 'stagionale' arrestata a Bari: è stata trovata con 50 grammi di eroina

  • Colpo al clan Parisi-Palermiti-Milella: i nomi degli arrestati nel blitz dei carabinieri a Bari

  • Capodanno a Bari con lo show in piazza Libertà: anche quest'anno il concerto in diretta su Canale 5

  • Terremoti e rischio tsunami, nel passato maremoti tra Bari e il Gargano. "Adriatico una casa in cui spostiamo sempre i mobili"

Torna su
BariToday è in caricamento