I binari (ancora) vuoti della Bari-Bitritto: la lunga attesa dura da oltre 30 anni

L'apertura della linea ferroviaria è stata più volte posticipata per i ritardi nei lavori. Ora l'attesa è per il completamento dell'iter burocratico, che richiederà mesi

Quattro fermate per 9,6 km attesi da più di tre decenni. Almeno dalla metà degli anni Ottanta, quando si cominciò a parlare concretamente della linea ferroviaria tra Bari e Bitritto. Doveva essere un asse che avrebbe seguito l'espansione della città verso l'interno, il nuovo (all'epoca) stadio San Nicola e gli insediamenti attorno a Loseto, Carbonara e Ceglie. Giunti al 2018 tra lavori interrotti, ripresi nel 2013 e ipotetiche date di apertura slittate di volta in volta, al momento non vi è alcuna certezza su quando vedremo i treni circolare. L'ultimo sopralluogo per la stampa, condotto da Fal, Comune e Regione, risale a 14 mesi fa.

Opere civili completate a dicembre

Da allora vi è stato completamento delle opere civili, terminate a dicembre. Il prossimo passo, invece, riguarderà le procedure autorizzative, in particolare dei sistemi di sicurezza. Tutto ruota attorno ai provvedimenti emessi dal Ministero dei Trasporti, ancor più imprescindibili dopo la tragedia dell'estate 2016 sull'Andria-Corato. Il passaggio da espletare sarà consentire che l'opera rientri nel decreto 112 per poter avviare l'iter di ammissione alla circolazione da parte dell'Agenzia Nazionale sulla Sicurezza Ferroviaria. L'istanza dovrebbe essere presentata dalla Regione: l'iter non sarà però automatico.

Iter procedurale da ultimare

La procedura richiede infatti, mediamente dagli 8 ai 12 mesi per essere completata. Di pari passo, inoltre, servirà avviare la gara per la scelta del gestore della linea e ultimare tutte le operazioni di installazione dei sistemi di sicurezza. Difficile, dunque, fare previsioni: la certezza è che si va avanti piano su un'opera figlia di una visione un po' sorpassata dello sviluppo cittadino ma asolutamente indispensabile per servire le comunità delle zone interessate, da anni con la speranza di poter arrivare a Bari in pochi minuti. A loro non resta che prendere auto, l'immancabile bus numero 4 e armarsi, come sempre, di tanta pazienza.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • E' la vergogna della Regione @#?*%$. Il presidente della Regione pro tempre Vendola in pompa magna una decina di anni fa inaugurò la ripresa dei lavori che erano fermai da oltre 30 anni, p@#?*%$ettendo che in due anni la metropolitana Bari - Carbonara sarebbe terminata. Ne sono passati altri 10 anni è tutto è fermo. Ma ciò che mi @#?*%$ più di tutto è che i prezzi sono lievitati in maniera abnorme e mi sembra strano che la magistratura non sia intervenuta per vederci chiaro.

Notizie di oggi

  • Economia

    Mercato del lunedì tra disagi e affari in calo, l'ipotesi trasferimento prende forma: "A breve incontro con gli operatori"

  • Cronaca

    Voragine in viale Orazio Flacco: operai al lavoro, senso unico alternato per le auto

  • Cronaca

    Semafori intelligenti per altri 81 incroci cittadini: "Tecnologici, funzionali e più resistenti"

  • Attualità

    Le sparano in volto, rendendola cieca: i volontari salvano per strada 'Carabina'

I più letti della settimana

  • Aggredisce un 24enne sull'autobus e per strada con un'ascia: panico nel quartiere Marconi

  • Due giovani baresi conquistano Brooklyn con i panzerotti: "All'inizio conoscenti e amici erano scettici"

  • Noicattaro, maltrattamenti su bimbi autistici: arrestate quattro educatrici di un centro di riabilitazione

  • Allarme bomba all'Ikea: scattano le verifiche, carabinieri sul posto

  • "Un contributo per gli amici detenuti": estorcono denaro a imprenditore, in manette quattro del clan Strisciuglio

  • Bari sotto shock: morto l'ex attaccante biancorosso Philemon Masinga

Torna su
BariToday è in caricamento