Al Palaflorio torna il B-Geek tra anime, serie e videogiochi: "Sempre più grandi"

Quinta edizione della rassegna, ampliata a tre giorni, in programma da venerdì a domenica. Le novità di quest'anno e la simpatica campagna promozionale tra il barese e il 'nerd'

Foto pagina Facebook Bgeek

Prendete una serie tv cult (Game of Thrones), scegliete uno dei personaggi più famosi (Jon Snow) e la frase più nota del telefilm, ovvero "Winter is coming" che tradotto è "l'inverno sta arrivando": ora immaginatela mentre la pronuncia nientemeno che in barese. "U vìirne stà à vvène", poche, spiazzanti ma convincenti parole collocate su alcuni manifesti piazzati per tutta la città, assieme ad altri celebri dialoghi di film, saghe e cartoni tradotti in vernacolo: è il fulcro della simpatica e intelligente strategia 'di avvicinamento' al B-Geek, la convention dedicata ad anime, videogame, serie cult, fumetti, giochi da tavolo e molto altro che riguarda l'universo più 'nerd'.  Un evento giunto alla quinta edizione e in continua crescita, con ben 12mila presenze in 2 giorni nel 2015.

Per l'edizione 2016, in programma al Palaflorio di Japigia da venerdì a domenica, oltre all'aggiunta di un'ulteriore giornata, vi saranno tante novità: "Per quest'anno abbiamo sviluppato - spiega Francesco Monterisi, presidente del B-Geek - il settore musica e proporremo concerti ogni sera, da Immanuel Casto ai Cartoon Busters fino alle Stelle di Hokuto. Avremo in tutto 45 ospiti, tra cui, ad esempio, Gabriele Mainetti, pluripremiato regista di 'Lo chiamavano Jeeg Robot', ma anche 60 espositori dalle case di fumetti ai più importanti editori europei di giochi da tavolo".

Largo spazio anche ai videogiochi con tornei ufficiali di classici come Pes e League of Legends, oltre a uno spazio Nintendo. Di carne al fuoco ce n'è proprio tanta: "Siamo riusciti - prosegue Monterisi - a utilizzare ogni centimetro del Palaflorio per offrire un'esperienza sempre più completa. Nel 2012 siamo partiti da un parcheggio di una residenza universitaria privata per poi spingerci al Palacarrassi e ora nel più importante palasport cittadino. Il nostro obiettivo è crescere ancora".

Effettivamente, il percorso della manifestazione è costellato da risultati sempre positivi, per un'evento ormai tra i più importanti del settore in tutta Italia: "In molti - aggiunge Monterisi - hanno acquistato biglietti da Campania, Sicilia, Lazio, Abruzzo. Tutto ciò significa molto in termini di indotto, ricettività alberghiera, ristorazione e turismo. Siamo soddisfatti che Bari stia diventando una città sempre più geek-friendly, anche grazie a una cultura di genere sempre pià diffusa e sdoganata. Il geek, in fondo è un appassionato, un po' come un tifoso di calcio". Tra gli appuntamenti collaterali alla rassegna da segnalare anche, al Museo Civico, la mostra 'Gli anni disegnati', personale del disegnatore Roberto Recchioni (visitabile fino al 18 giugno) per scoprire il mondo artistico di colui che è stato definito la “rockstar del fumetto italiano”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bari 'spartita' tra 11 clan, la mappa della malavita in città e in provincia: "Panorama in continua evoluzione"

  • Nonnina fortunata a Bari: 90enne si aggiudica 200mila euro al Gratta e Vinci

  • Coronavirus, caso sospetto a Bari: accertamenti su paziente ricoverata al Policlinico, rientrava dalla Cina

  • Ludovica volata via a soli 18 anni, il Ministero le concede il diploma alla memoria: "Una borsa di studio in suo onore"

  • La dea bendata bacia anche Rutigliano: sbancato il gratta e vinci, fortunato si aggiudica 2 milioni di euro

  • Tenta di attraversare con le sbarre in chiusura, auto resta bloccata al passaggio a livello

Torna su
BariToday è in caricamento