Molfetta, bomba carta esplosa davanti all'abitazione di un attivista politico: "Secondo volta in pochi mesi"

La notizia è stata diffusa da Matteo D'Ingeo, componente del movimento civico "Liberatorio Politico". In passato un altro ordigno esplosivo era stato piazzato nel portone esterno del palazzo

Foto Fb Matteo D'Ingeo

Una bomba carta è stata fatta esplodere questa notte dinanzi alla porta d’ingresso dell’abitazione di Matteo D’Ingeo. Il coordinatore del movimento civico "Liberatorio Politico" di Molfetta ha diffuso la notizia via Facebook. Si tratta del secondo atto intimidatorio in pochi mesi ai danni della stessa persona: Il primo marzo scorso un grosso petardo esplose sul portone esterno. Il secondo ordigno è esploso invece dietro la porta principale intorno all’1.25 della nottata, danneggiando la porta e il muro circostante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sull'episodio indagano i Carabinieri, che hanno acquisito le immagini di videosorveglianza degli esercizi commerciali della zona, eseguito perquisizioni domiciliari e sentito in caserma persone informate sui fatti. L'autore dei due episodi potrebbe essere lo stesso. In passato Matteo D’Ingeo ha denunciato di aver ricevuto numerose minacce legate all’attività del suo movimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Positivo al Coronavirus, viola la quarantena ed esce per fare la spesa: barese beccato dai carabinieri

  • Come proteggersi dal contagio del ''Coronavirus'': le mascherine, i disinfettanti e le abitudini igieniche

  • Tragedia a Bari: scende per ritirare la frutta, cade a terra e muore. "La versione dell'infarto non convince i figli"

  • Party di compleanno per i 18 anni nonostante i divieti coronavirus: in casa arriva la Polizia, scattano multe salatissime

  • "Non abbiamo più spazio nei cimiteri, dovete rispettare le regole", lo sfogo di Decaro nella diretta social: "Così non ne usciamo più"

  • Primo decesso per Coronavirus a Modugno, il dolore del sindaco Magrone: "Una sconfitta di tutti"

Torna su
BariToday è in caricamento