Molfetta, bomba carta esplosa davanti all'abitazione di un attivista politico: "Secondo volta in pochi mesi"

La notizia è stata diffusa da Matteo D'Ingeo, componente del movimento civico "Liberatorio Politico". In passato un altro ordigno esplosivo era stato piazzato nel portone esterno del palazzo

Foto Fb Matteo D'Ingeo

Una bomba carta è stata fatta esplodere questa notte dinanzi alla porta d’ingresso dell’abitazione di Matteo D’Ingeo. Il coordinatore del movimento civico "Liberatorio Politico" di Molfetta ha diffuso la notizia via Facebook. Si tratta del secondo atto intimidatorio in pochi mesi ai danni della stessa persona: Il primo marzo scorso un grosso petardo esplose sul portone esterno. Il secondo ordigno è esploso invece dietro la porta principale intorno all’1.25 della nottata, danneggiando la porta e il muro circostante.

Sull'episodio indagano i Carabinieri, che hanno acquisito le immagini di videosorveglianza degli esercizi commerciali della zona, eseguito perquisizioni domiciliari e sentito in caserma persone informate sui fatti. L'autore dei due episodi potrebbe essere lo stesso. In passato Matteo D’Ingeo ha denunciato di aver ricevuto numerose minacce legate all’attività del suo movimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina finisce nel sangue a Bari: vittima si rifiuta di consegnare il denaro, accoltellato alla gola e alle gambe

  • Maltempo in arrivo e allerta arancione sul Barese: scuole chiuse in alcuni Comuni

  • Maxi operazione dei carabinieri tra Bari e Altamura: 50 arresti tra capi clan e affiliati, scacco matto ai D'Abramo-Sforza

  • Sangue e lacrime sulle strade del Barese: vittime perlopiù giovanissime, per gli incidenti stradali si muore di più

  • Carabiniere in auto con la cocaina, sorpreso dai colleghi durante un controllo: arrestato

  • Ramo si spezza per il forte vento e lo investe in pieno: un morto nel Barese

Torna su
BariToday è in caricamento