Lavori di bonifica nell'ex Fibronit, giù il muro di via Caldarola

Completata la demolizione di un tratto della recinzione perimetrale, che risultava inclinato. Procedono intanto i lavori di demolizione dei capannoni E ed F

E' stato abbattuto in questi giorni un tratto del muro perimetrale dell’ex Fibronit, in cui sono in corso lavori di bonifica per messa in sicurezza permanente. Il muro in questione, su via Caldarola all'altezza di via Aristosseno, è stato demolito perché caratterizzato da una condizione di spanciamento che ne aveva determinato l'inclinazione.

Si è scelta quindi la demolizione, per avviare da domani i lavori di realizzazione di un muro ex novo con caratteristiche analoghe a quelle di altri tratti già realizzati su via Caldarola, ovvero lastre prefabbricate a doppia parete con getto interno di completamento in calcestruzzo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Procedono intanto, come da cronoprogramma, i lavori di demolizione dei capannoni contrassegnati dalle lettere E ed F all’interno dei volumi confinati nella tensostruttura. Questo intervento dovrebbe terminare entro al fine del mese di febbraio.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Barese, ragazzino di 12 anni muore soffocato da una mozzarella

  • Traffico di droga, blitz dei carabinieri nel Barese: smantellata banda, undici arresti

  • Giovane assalita da gruppetto di ragazze per le strade dell'Umbertino: "Erano quindici contro una"

  • Coronavirus, tre nuovi casi in Puglia: due sono in provincia di Bari. Non si registrano decessi

  • Incidente sulla Statale 16, moto urta tir e finisce sull'asfalto: centauro travolto da auto e ferito

  • Fiumi di droga nel Barese, il capo gestiva il sistema dal carcere: acquirenti 'attesi' nella palazzina in centro a Mola

Torna su
BariToday è in caricamento