Bonifica Fibronit, Carnimeo (V Circoscrizione): "E' l'inizio di una nuova stagione"

"E' confortante prendere atto - spiega - che il Comune voglia fare presto e bene"

Il bando per la bonifica definitiva della Fibronit piace e convince la V circoscrizione che esprime ottimismo sul futuro dell'area: "E' l'inizio di una nuova stagione" ha commentato il vice presidente Nico Carnimeo, analizzando nel dettaglio i punti salienti e qualificanti del regolamento di gara: "Oggi, è proprio verso tali preoccupazioni che si sposta l'attenzione. Il bando - prosegue - sembra averle fatte proprie ed il criterio individuato per l'aggiudicazione mostra in quale importante misura se ne tenga conto. Gli elementi di valutazione in esso riportati sottolineano il peso cruciale attribuito ai criteri qualitativi (85/100) rispetto a quelli quantitativi (15/100)".

"La complessità dell'intervento che si andrà ad effettuare - afferma Carnimeo - è nota ed il messaggio che arriva da Palazzo di Città è chiaro: i lavori saranno affidati a chi darà le migliori assicurazioni e garanzie; a chi dimostrerà di essere in grado, così recita un passaggio, di 'ridurre al minimo gli impatti ambientali'; a chi arricchirà il progetto con 'soluzioni migliorative tecniche e tecnologiche. Addirittura più importante - rileva -  appare l'attenzione dedicata a quelle che sono considerate le fasi più delicate dei lavori ovvero le attività di demolizione che 'comporteranno l’abbattimento di tutti gli edifici inseriti nella perimetrazione dell’area di intervento fino alla quota del piano campagna'. Si stima la produzione di circa 18.550 mc di materiale di demolizione. Tale attività 'avverrà in ambiente staticamente e dinamicamente confinato con modalità “considerate eccezionali'. Si opererà infatti all’interno di una tendostruttura di rilevanti dimensioni: '30/35 m x 160/170 m con un’altezza variabile che in sommità potrà raggiungere i 15m' che sarà necessario montare e smontare più volte".

"C’è la consapevolezza di essere giunti - sottolinea Carnimeo - alla vigilia di un intervento decisamente articolato. Tuttavia proprio le attenzioni, i tempi di preparazione e non ultimo l’ennesima premialità prevista dal bando in favore dei soggetti che sapranno prevedere le migliori e più efficaci modalità di comunicazione non solo nei confronti del Comune, quale stazione appaltante, ma anche nei confronti della cittadinanza sembrano essere la più alta forma di rassicurazione per questi ultimi. A tutti sarà data la possibilità si seguire passo per passo i lavori, una forma di trasparenza che, in realtà, si è già avuto modo di apprezzare in occasione dei lavori di messa in sicurezza temporanea effettuati tra 2006 e il 2009. E’ confortante prendere atto - conclude - che mai come in questa circostanza l’amministrazione appaltante sembra dire che è importante far presto, ma soprattutto è importante far bene".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bari 'spartita' tra 11 clan, la mappa della malavita in città e in provincia: "Panorama in continua evoluzione"

  • Trema la terra nel Barese: scossa di terremoto ad Alberobello

  • Addio a Mimmo Lerario, scomparso lo storico chef del ristorante Ai 2 Ghiottoni

  • Sete da cammello e notte insonne dopo aver mangiato la pizza: perchè succede?

  • Traffico di droga, blitz della polizia: smantellata organizzazione transnazionale italo-albanese

  • Pos obbligatorio dal 2020 per tutti i commercianti italiani: come e quando munirsi per i pagamenti

Torna su
BariToday è in caricamento