Cinque borse di studio per gli studenti dell'Università: a finanziarle è Biagio Antonacci

Saranno intitolate alla memoria del padre Paolo e destinate a cinque studenti residenti a Taranto e nella provincia Jonica

Cinque borse di studio per altrettanti studenti dell'Università di Bari sono state messe a disposizione dal cantante e artista Biagio Antonacci, in memoria del padre Paolo, a cui sono intitolate. Antonacci ha espresso la volontà di bandire un nuovo concorso dopo quello dello scorso anno: le borse consentiranno di sostenere per tutta la durata normale del corso di studi altrettanti universitari residenti nel Comune di Taranto o in uno dei Comuni della provincia di Taranto.

Le borse saranno ripartite secondo un criterio ben preciso: 1 sarà destinata a studenti iscritti al primo anno del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia (in lingua italiana o in lingua inglese), tre per gli studenti iscritti al primo anno di un corso di laurea magistrale a ciclo unico quinquennale, una borsa di studio per gli studenti iscritti al primo anno di un corso di laurea triennale.

Le borse di studio, informa Uniba in una nota, "non possono essere cumulate con altre borse o forme di assistenza erogate dall’Università di Bari, dall’A.DI.S.U. (agenzia per il diritto allo studio universitario) e da altri Enti pubblici o privati. I candidati, per poter partecipare al concorso deono essere immatricolati nell’anno accademico 2016/17, a un corso di laurea triennale o magistrale a ciclo unico dell’Università di Bari, aver conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado nell’anno scolastico 2015/16, risiedere nel Comune di Taranto o in uno dei Comuni della Provincia di Taranto, avere un valore dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente per prestazioni universitarie non superiore a euro 23.000,00, avere un valore dell’Indicatore della Situazione Patrimoniale Equivalente non superiore a euro 50.000,00.

La domanda di ammissione al concorso, redatta in carta libera secondo il fac-simile reperibile sul sito dell’Università di Bari www.uniba.it, va consegnata a mano alla U.O. Gestione documentale corrente - Palazzo Ateneo - Bari, ovvero spedita a mezzo raccomandata postale con avviso di ricevimento entro e non oltre il 29 settembre 2017. E’ possibile resentare domanda anche a mezzo posta certificata all’indirizzo universitabari@pec.it, purché il candidato sia in possesso di una propria casella PEC, rispettando le scadenze e le modalità suindicate.

Alla richiesta devono essere allegati una dichiarazione sostitutiva di certificazione relativa al conseguimento del diploma di istruzione secondaria di II grado nell’anno scolastico 2015/16 con indicazione del voto ottenuto, una dichiarazione sostitutiva di certificazione relativa all’immatricolazione all’Università di Bari per l’anno 2016/17, l'attestazione I.S.E.E. Università del nucleo familiare in corso di validità, la copia fotostatica di un documento d’identità in corso di validità del candidato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nonnina fortunata a Bari: 90enne si aggiudica 200mila euro al Gratta e Vinci

  • Coronavirus, caso sospetto a Bari: accertamenti su paziente ricoverata al Policlinico, rientrava dalla Cina

  • Ludovica volata via a soli 18 anni, il Ministero le concede il diploma alla memoria: "Una borsa di studio in suo onore"

  • La dea bendata bacia anche Rutigliano: sbancato il gratta e vinci, fortunato si aggiudica 2 milioni di euro

  • "Da qui non esci vivo", imprenditore vittima d'estorsione legato e minacciato per una denuncia: arrestato 'U can'

  • Auto in sosta 'impacchettata' con la carta regalo: "Hai capito che qui non devi parcheggiare?"

Torna su
BariToday è in caricamento