Botti di capodanno: sequestrati 25 kg di materiale illegale a Japigia

Proseguono i controlli finalizzati ad impedire la vendita di fuochi d’artificio, petardi e botti illegali: controlli e sequestri in quattro esercizi commerciali. Quattro persone denunciate

Nell’ambito dei controlli voluti dal questore di Bari Antonio De Iesu, gli agenti della Polizia municipale impegnati nel presidio del quartiere Japigia hanno sequestrato 25 chilogrammi di prodotti pirotecnici vietati, in vendita presso quattro esercizi commerciali.

A seguito del sequestro sono state denunciate all’autorità giudiziaria quattro persone. Le operazioni di setaccio del territorio cittadino effettuate dalle Forze dell’ordine sono infatti finalizzate ad impedire la vendita di fuochi d’artificio, petardi e botti illegali e a far rispettare quanto stabilito dall’ordinanza firmata dal sindaco di Bari Antonio Decaro, che ha dato seguito alle disposizioni del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza pubblica. Oggi altri importanti sequestri di botti illegali sono stati effettuati dalle Forze dell’Ordine nelle prime ore del mattino come riportato dagli organi di stampa.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Cade in moto sul lungomare: muore 54enne

  • Sport

    Foggia-Bari, derby allo 'Zaccheria' 21 anni dopo: galletti col tridente Galano-Floro-Cissè

  • Cronaca

    Sorpresi con una pistola rubata nell'auto: quattro baresi arrestati nel Materano

  • Cultura

    Otto giorni nel segno del cinema, parte il Bif&st 2018: al Petruzzelli l'incontro con Piefrancesco Favino

I più letti della settimana

  • Blitz della Dda contro il clan Capriati, 18 in manette: i nomi degli arrestati

  • Droga, armi ed estorsioni: blitz della polizia, 18 arresti nel clan Capriati

  • Vigili fermano Smart per un controllo: scoperto "sequestro" di un bimbo di 3 anni, due arrestati

  • Intasca tremila euro da un imprenditore: arrestato dirigente del Policlinico

  • Podista colpito da infarto durante Vivicittà, scattano i soccorsi. Gli organizzatori: "Possedeva un certificato medico agonistico"

  • Dalle estorsioni alle attività nel porto, così il clan Capriati si era riorganizzato: "Puntava a infiltrarsi nel tessuto economico della città"

Torna su
BariToday è in caricamento