Calcioscommesse Bari: in caserma Ranocchia, Iacovelli e Gillet

I due ex giocatori biancorossi e il factotum del Bari ascoltati dai pm dopo le recenti dichiarazioni fatte da Masiello e Micolucci. E nel processo sportivo in corso a Roma il Bari patteggia

La caserma del Comando Provinciale dei carabinieri sul lungomare

Hanno preso il via questa mattina nella caserma del comando provinciale dei Carabinieri, sul Lungomare Nazario Sauro, i nuovi interrogatori nell'ambito dell'inchiesta barese sul calcioscommesse. Le audizioni sono state decise dai pm dopo le recenti dichiarazioni rilasciate da Masiello e dall'ex compagno di squadra Micolucci, che avrebbero fornito nuovi dettagli sulle combine, estedendo i sospetti ad almeno altre tre gare: Salernitana-Bari del 23 maggio 2009, conclusasi con il risultato di 3-2, Bari-Treviso dell'11 maggio 2008, finita 0-1 e Piacenza-Bari del 9 maggio 2009, finita 2-2.

Il primo ad arrivare in caserma e ad essere interrogato è stato il factotum del Bari Angelo Iacovelli, già arrestato nell'ambito dell'inchiesta sul calcioscommesse di Cremona, e indagato nell'inchiesta barese con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alla frode sportiva. Lasciando la caserma il difensore di Iacovelli, l'avvocato barese Andrea Melpignano, ha dichiarato che il suo assistito "ha chiarito la sua posizione in merito alle ultime partite di cui si è parlato anche sui giornali".

In caserma anche Andrea Ranocchia, ex difensore del Bari ora all'Inter, tirato in ballo dai suoi ex compagni di squadra per la presunta combine per la partita Salernitana-Bari del 23 maggio 2009, finita 3-2. Secondo quanto si è appreso, però, Ranocchia avrebbe scelto di non parlare, avvalendosi della facoltà di non rispondere.

Ma a sorpresa presso il comando provinciale dei carabinieri è giunto questa mattina anche l'ex capitano del Bari ora nel Torino, Jean-Francois Gillet. Anche Gillet è infatti formalmente indagato dalla Procura per presunte combine su partite giocate dai biancorossi nel campionato di serie B 2008-2009, è stato notificato nei giorni scorsi l'invito a comparire.

Per la prossima settimana la Procura di Bari ha convocato altri ex giocatori del Bari sui cui nomi gli investigatori mantengono il massimo riserbo.

Oggi intanto a Roma si è tenuta la prima udienza del processo sportivo. La giustizia sportiva ha accolto il patteggiamento per il Bari con una penalizzazione di cinque punti e un'ammenda di 80mila euro.

Potrebbe interessarti: http://www.baritoday.it/sport/palazzi-proposta-bari-cinque-punti.html
Leggi le altre notizie su: http://www.baritoday.it/ o seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/BariToday/211622545530190

Potrebbe interessarti

  • ''U scazzecappetìte'': sapete cos'è?

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • 7 consigli per eliminare il cattivo odore delle ascelle

  • Forno a microonde, quali sono i reali rischi per la salute?

I più letti della settimana

  • Si sottopone a operazione per dimagrire, madre 35enne muore dopo bendaggio gastrico alla clinica Mater Dei

  • Punta la pistola contro universitari e pretende di parcheggiare: "Toglietevi da lì", paura per 3 ragazzi a San Pasquale

  • Il quartiere Libertà piange Fransua: cordoglio e messaggi di ricordo sui social

  • Dal gioco d'azzardo alle estorsioni agli imprenditori: la mappa dei racket dei clan in città

  • In arrivo un'altra ondata di maltempo: allerta arancione per martedì, previsti temporali e grandine

  • Furbetti del cartellino all'ospedale San Giacomo di Monopoli: i nomi dei 13 arrestati

Torna su
BariToday è in caricamento