Capurso, citofona e rapina 'compro oro': arrestato 18enne

L'episodio risale a circa 2 mesi fa: armato di pistola si fece consegnare 300 euro e un cellulare. Incastrato dalle telecamere di videosorveglianza del negozio. I carabinieri sono alla ricerca del complice

Aveva rapinato un noto 'compro oro' di Capurso, armato di pistola e con il volto travisato da una calzamaglia, ma, dopo quasi due mesi di indagini, è stato catturato dalle Forze dell'Ordine.

In manette è così finito un 18enne di Casamassima, P.C. (le generalità complete non sono state rese note), arrestato dai carabinieri in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Bari. L'episodio risale al 3 ottobre scorso quando il giovane entrò nella gioielleria e, minacciando il titolare con una pistola, si fece consegnare 300 euro in contanti e il telefono cellulare dandosi poi alla fuga assieme a un complice in corso di identificazione.

I carabinieri sono risaliti al ragazzo attraverso le telecamere di videosorveglianza del negozio. Dalle immagini si nota come il giovane, a visto scoperto per farsi aprir ela porta, entrò nel 'compro oro' dopo aver tranquillamente citofonato all'ingresso. 

Potrebbe interessarti

  • Perchè le zanzare pungono proprio te?

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • C'era una volta la 'Cialdèdde'

  • Come tenere puliti e privi di germi e batteri i bidoncini della spazzatura

I più letti della settimana

  • Domatore ucciso dalle tigri, la titolare del circo: "Non è stato sbranato, ferita accidentale"

  • Il quartiere Libertà piange Fransua: cordoglio e messaggi di ricordo sui social

  • Da Giovinazzo a Fesca trasportata dal mare mosso: gabbia per l'allevamento pesci recuperata dalla Guardia Costiera

  • In arrivo un'altra ondata di maltempo: allerta arancione per martedì, previsti temporali e grandine

  • Branco di lupi assalta allevamento nel Barese: "Decine di capre uccise"

  • Schianto in Tangenziale, auto finisce contro barriere tra Poggiofranco e Carrassi: code e rallentamenti

Torna su
BariToday è in caricamento