Rivolta Cara: la difesa chiederà la revoca del carcere

Dopo la rivolta di quindici giorni fa a cui ha fatto seguito l'arresto per 28 rivoltosi del centro di accoglienza di Bari-Palese, la Difesa chiederà l'attenuazione della misura cautelare per 15 dei fermati

A due settimane dai tumulti scoppiati il primo agosto per via delle proteste degli immigrati del Centro Accoglienza e Rifugiati e Richiedenti Asilo di Bari-Palese, la Difesa fa sapere che chiederà l'attenuazione della misura cautelare per 15 dei 28 arrestati in seguito agli scontri. Secondo Marco Grattaliano, legale a cui è stata affidata la difesa degli extracomunitari, la posizione degli immigrati asiatici e di quelli ivoriani, infatti, sarebbe stata marginale nel corso della guerriglia. Per la Difesa, la reiterazione dei reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, uso di armi improprie (spranghe di ferro e sassi), minacce, interruzione di pubblico servizio per il blocco della statale 16, danneggiamento seguito da incendio, violenza privata, lesioni personali aggravate, danneggiamento di auto e mezzi pubblici, furto e blocco ferroviario, non sussiterebbe per oltre la metà degli immigrati arrestati. Grattagliano, quindi, chiederà la sostituzione della misura cautelare in carcere con quella dell'obbligo di dimora nel Cara

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz a Bari, raffica di arresti nel clan Parisi-Palermiti-Milella: smantellati arsenale da guerra e traffico di droga

  • Colpo al clan Parisi-Palermiti-Milella: i nomi degli arrestati nel blitz dei carabinieri a Bari

  • Capodanno a Bari con lo show in piazza Libertà: anche quest'anno il concerto in diretta su Canale 5

  • Alla guida senza patente e con addosso eroina, non si ferma all'alt della polizia: inseguimento da film in Tangenziale

  • L'arsenale dei Parisi-Palermiti-Milella in un anonimo appartamento di Japigia. Chili di cocaina pronti per i clan di tutta la città

  • Irrompono negli uffici della polizia Locale di Capurso: comandante preso a pugni in faccia e minacciato di morte

Torna su
BariToday è in caricamento