Quarto caso di meningite in Puglia: 50enne ricoverato al Miulli

L'uomo, da due giorni nell'ospedale di Acquaviva, è in condizioni stabili. Secondo l'osservatorio epidemiologico regionale arebbe stato colpito dal batterio pneumococco

Un uomo di 50 anni è ricoverato da 2 giorni nell'ospedale 'Miulli' di Acquaviva a causa di una forma di meningite dovuta al batterio pneumococco. Si tratta del quarto caso, in poche settimane, nella regione. Il paziente è in condizioni stabili, in base a quanto riferisce l'Osservatorio epidemiologico della Regione Puglia. Il numero dei casi registrati, afferma lo staff scientifico dell'Ente, rientrerebbe tra quelli in attesa e previsti per questo periodo.

"Il caso di meningite riscontrato all'ospedale Miulli - ha chiarito in mattinata il sindaco di Acquaviva, Davide Carlucci - è di tipo pneumococcicco e non meningococcico. Non ci sono, dunque, rischi di diffusione. Questo è quello che è emerso dagli esami".

*Ultimo aggiornamento ore 17
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Blitz nella notte, confiscati beni per 8 milioni a imprenditore delle slot machine

    • Politica

      Piano di riordino ospedaliero, sì definitivo della Regione: "Scelte dolorose ma necessarie"

    • Cronaca

      Emergenza neve e freddo, Regione chiede stato d'emergenza al Governo

    • Cronaca

      Giardino Isabella d'Aragona, la Soprintendenza sblocca il cantiere: lavori ripartono dopo la rimozione dei pini

    I più letti della settimana

    • Sparatoria a Japigia, 40enne freddato a colpi di pistola

    • Freddato a colpi di pistola in auto: omicidio Barbieri a Japigia, indagini in corso

    • San Girolamo, scontro tra due auto in tangenziale: un ferito

    • Aiuto cuoco "manolesta", ruba carne e pesce dal ristorante: nei guai 40enne

    • Ceglie del Campo, moto rubate nascoste in un cortile condominiale

    • Corso De Gasperi, auto si ribalta: carambola tra 5 vetture, diversi feriti

    Torna su
    BariToday è in caricamento