Cassonetti bruciati in centro, Decaro presenta denuncia in Questura: "Imbecilli da individuare al più presto"

Il primo cittadino si è recato negli uffici di Polizia assieme al presidente dell'Amiu dopo i roghi della notte tra giovedì e venerdì: secondo una prima stima i danni ammonterebbero a circa 10mila euro

Il sindaco Antonio Decaro e il presidente dell'Amiu Sabino Persichella hanno presentato una denuncia in Questura per chiarire l'incendio di 20 cassonetti per la raccolta dei rifiuti dati alle fiamme in diverse strade del centro cittadino, da Madonnella a piazza Umberto. L'episodio, al vaglio anche della Polizia Locale, era stato subito segnalato dai residenti del Comitato dell'Umbertino, zona dove è stato rinvenuto il maggior numero di bidoni bruciati,

Il sindaco: "Non ci facciamo intimidire"

“Una volta verificate le postazioni e accertati i danni siamo venuti in Questura per presentare una formale denuncia – spiega il sindaco Antonio Decaro -. Le Forze dell’Ordine sapranno presto far luce su questo accaduto. Sia che si sia trattato di un gesto per fare pressioni sull’azienda che gestisce il servizio di raccolta o sull’amministrazione comunale, i responsabili devono sapere non ci facciamo intimidire da nessuno. Se invece si è trattato di un atto vandalico, parliamo di imbecilli che hanno fatto spendere tanti soldi all’azienda e quindi ai cittadini baresi. In ogni caso noi speriamo che vengano presto individuati così da fargli pagare il costo dei danni. Le postazioni bruciate sono tutte in una zona centrale per cui non sarà difficile per gli inquirenti, trovare immagini riprese dalle telecamere che abbiamo, sia pubbliche sia private”.  

"In fumo 10mila euro"

Il presidente Amiu Persichella ha già una prima stima dei danni provocati dall'atto vandalico: "Solo in una notte - ha affermato - sono andati in fumo non meno di 10mila euro, tra cassonetti, ripristino, lavoro dei dipendenti e naturalmente quelle che sono poi le conseguenze sugli altri servizi perché abbiamo dovuto far intervenire squadre per ripristinare il tutto e per controllare, oltre all'intervento dei vigili del fuoco. Sono situazioni che non possiamo accettare sia che si tratti, appunto, del gesto di qualche sciagurato contro la città e ancora di più se dovesse essere un atto indirizzato a cambiare quelli che sono l'indirizzo, l'orientamento, la filosofia dell'Amministrazione comune e dell’Amiu sulla gestione del servizio" ha concluso Persichella.

Potrebbe interessarti

  • Abitano tra le vostre lenzuola, lo sapevate? Sono gli acari della polvere

  • Come pulire il vetro del forno: i consigli per eliminare lo sporco ostinato

  • Puntura di medusa: cosa fare e...cosa non fare

  • Piscine all'aperto a Bari e dintorni: quali e dove sono

I più letti della settimana

  • Moto prende fuoco dopo l'impatto con un'auto: giovane centauro muore sulla Statale 16

  • Schianto sulla ex provinciale 54 vicino al Nuovo San Paolo: auto sul guardrail, un morto

  • Assalto armato a furgone portavalori sull'A14, scoperto il covo della banda: refurtiva recuperata, due arresti

  • Morto dopo scontro auto-moto sulla statale 16, sui social il dolore per Fabio: "Eri speciale, ora sei il nostro angelo"

  • Schianto in Tangenziale, almeno un ferito: auto si ribalta, coinvolto pulmino. Traffico in tilt e rallentamenti

  • "Mio figlio pestato in spiaggia", l'appello di un papà sui social: "Chi sa qualcosa ci aiuti"

Torna su
BariToday è in caricamento