Vandali in azione nella notte a Madonnella: cassonetti dati alle fiamme

La segnalazione dei residenti riuniti nel Comitato salvaguardia umbertina. Il consigliere Melini: "Quella zona è invibile". Incendi segnalati anche in altre strade. L'assessore Petruzzelli: "Uno sfregio vero e proprio"

Vandali in azione nella notte a Madonnella. I resti di diversi cassonetti bruciati - con i loro rifiuti - sono stati ritrovati e fotografati in mattinata dai residenti di via Cardassi e via Imbriani. Non si conoscono ancora i responsabili, ma si potrebbe trattare della stessa persona, vista la vicinanza tra le due strade. A lanciare l'allarme, i residenti del Comitato salvaguardia zona umbertina, che hanno anche postato le foto dei rifiuti e dei resti della plastica bruciata ai bordi dei marciapiedi. Altri cassonetti distrutti dalle fiamme sono stati segnalati, sempre questa mattina, nella zona di piazza Umberto.

cassonetti bruciati madonnella-2

Gli atti vandalici denunciati dai residenti

Episodi - quelli dell'Umbertino - segnalati anche alla consigliera comunale Irma Melini. "Chiederò al comandante della Polizia municipale se abbiamo telecamere nostre o dei locali. Quella zona è invivibile". spiega. L'ultimo raid vandalico in zona avvenne a fine luglio, sempre con bersaglio i cassonetti. Anche allora, come oggi, le fiamme raggiunsero anche alcune autovetture parcheggiate nei pressi dei cassonetti. Qualche giorno fa, i residenti della zona avevano segnalato un altro genere di atti vandalici, ovvero l'inserimento di colla nella serrature dei portoni.

L'assessore all'Ambiente Petruzzelli: "Uno sfregio, spero che responsabili siano identificati"

Sull'episodio della notte scorsa è intervenuto con un post su Fb anche l'assessore all'Ambiente Pietro Petruzzelli: "Una ventina di cassonetti bruciati in una notte da un gruppo di s****** che magari si annoiava o peggio per una vera e propria azione criminale. Spero proprio che le telecamere di sorveglianza individuino i responsabili e che le loro facce vengano mostrate a tutti affinché loro e le loro famiglie provino vergogna. In questi casi andrebbe inflitta la pena più umiliante possibile. Hanno dato fuoco ai cassonetti di via Dante, via Putignani angolo via Sparano, piazza Umberto, via Cardassi, sotto il ponte di corso Cavour e di via Nicola de Nicolò. Uno sfregio vero e proprio!"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

WhatsApp Image 2019-01-11 at 08.19.48(1)-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

  • L'estate non decolla su Bari e provincia: in arrivo forti raffiche di vento, nuova allerta meteo

Torna su
BariToday è in caricamento