Chiude il teatro dell’Anonima, Schiavarelli: “Da soli non ce la facciamo”

Troppo onerosi i costi di adeguamento della struttura alle nuove normative antincendio. L'attrice barese: "Da tempo sollecitiamo gli enti pubblici ad una riflessione sulla situazione dei piccoli teatri della città, ma non abbiamo mai ricevuto risposte"

I costi di adeguamento della struttura alle nuove normative antincendio rendono impossibile far continuare la storia del teatro dell’Anonima. A lanciare la notizia è Tiziana Schiavarelli che, insieme al suo compagno di vita e lavoro Dante Marmone, dal 1990 riesce a tenere aperto lo spazio teatrale con parecchi sacrifici. “Abbiamo inoltrato la disdetta della locazione del teatro perché per noi diventa impossibile anche solo immaginare di poter riconvertire il teatro alle nuove normative sulla sicurezza senza anche un aiuto da parte degli organismi pubblici”, spiega Schiavarelli.

L’auspicio è che si trovi una soluzione, ma al momento non è arrivata alcuna risposta da parte degli enti locali, a partire dal Comune. “Riceviamo un contributo di circa 35mila euro all’anno, mentre di fitto ne spendiamo 2mila al mese - spiega l’attrice barese - . Riusciamo a reggere la struttura, e a pagare gli stipendi dei collaboratori, grazie al botteghino e ai nostri spettatori che ci premiano per il lavoro che svolgiamo. Ma ora è impossibile andare avanti”.

Nel corso di questi 23 anni Schiavarelli e Marmone hanno messo in scena decine di spettacoli da loro stessi scritti e interpretati. Lavori privi di banalità e capaci di far ridere e riflettere senza scendere nel volgare. “Avremmo anche voluto lanciarci in ulteriori attività sperimentali, ma lo abbiamo fatto poco proprio per l’esiguità delle risorse a nostra disposizione”, continua l’attrice. “Detto questo non abbiamo mai fatto mancare il nostro contributo per produrre spettacoli originali, frutto della nostra ricerca e passione”. La situazione dei teatri a Bari rischia di crollare, con anche il Purgatorio messo alle corde per mancanza di soldi.

“Vedremo il da farsi – prosegue Schiavarelli -  non abbiamo deciso se chiedere ufficialmente un incontro al sindaco anche perché da tempo sollecitiamo gli enti pubblici ad una riflessione sulla situazione complessiva dei piccoli teatri baresi, ma non abbiamo mai ricevuto risposte”. Su una cosa però i fan di Schiavarelli e Marmone possono stare tranquilli: il teatro continueranno a farlo. “E’ il nostro mestiere e non lo abbandoneremo, andremo altrove ma il palcoscenico non ce lo toglie nessuno”. E speriamo che il sipario dell’Anonima si riapra al più presto.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Luca
    Luca

    Amici non prendetevela con il sig sindaco EMILIANO e` tutta colpa di @#?*%$A che ha chiuso i rubinetti a tuttii i comuni d`ITALIA hanno tagliato i servizi sociali,i fondi per i disabili,hanno ridotto tutto ai minimi termini...L`unica cosa che hanno saputo mantenere sono gli stipendi d`oro`,i portaborse,le auto blu, e assicurare la corretta erogazzione delle pensioni a tutti i politici prima di loro,i rimborsi elettorali ai partiti,e i soldi per le cene a palazzo GRAZIOLI..e la gente muore di fame,i carabinieri subiscono ogni tipo di violenza del popolo,e loro dicono un ,mare di @#?*%$zate dietro i loro palazzi.........

  • Avatar anonimo di Elacsapotiv
    Elacsapotiv

    Vito Pascale [ha pubblicato qualcosa su] Michele Emiliano         Piccinni, Margherita, Petruzzelli, Kursal, Purgatorio ora anche il teatro dell'Anonima S@#?*%$lli. Caro SINDACO, ma Bari doveva essere la città della cuture o il fallimento nella cultura??? Non conosco quale sia il piano di questa amministrazione con la a minuscola, che distrugge invece di costruire, ma vorrei capire dove vuole arrivare prima della fine del suo mandato. proporrei di far chiudere anche le sale cinematografiche, le sale da gioco, i parchi, sale ricreative... Tanto a che servono in una città con una amministrazione, sempre con la a minuscola, che fa morire la sua vivibilità.... Infine mi piacerebbe sapere se tutti gli edifici di queste amministrazioni comunale, provinciale e regionale, sono in regola con le nuove norme antincendio.... e se la risposta è no.... PERCHE' NON LI CHIUDETE???... Finirà prima o poi... io aspetto sulla riva del fiume........

Notizie di oggi

  • Attualità

    VIDEO | Al Politecnico la monoposto progettata dagli studenti: "Sarà in pista per i campionati di Formula Sae"

  • Cronaca

    Calci e pugni al medico, aggressione in ospedale: arrestato 44enne

  • Attualità

    A Brindisi la marcia in ricordo delle vittime innocenti delle mafie: anche il Comune di Bari alla manifestazione di Libera

  • Cronaca

    "Nuove strisce blu prima di nuovamente rifare l'asfalto", i residenti dell'Umbertino chiedono chiarimenti

I più letti della settimana

  • Chicco è tornato a casa: ritrovato il cagnolino rubato insieme ad un'auto

  • Nuova ferrovia Bari-Torre a Mare, da domani e fino al 2020 i lavori in Tangenziale: deviazioni a Japigia

  • Violento scontro tra due auto a Palese: giovane ricoverato in codice rosso, ferite altre due persone

  • Violenta rissa per strada armati di ascia e pistola: arrestati sei giovani a Rutigliano

  • L'Università di Bari al top in Italia: giudizio positivo dall'Anvur, "stesso voto della Bocconi"

  • Rutigliano, scoppia rissa in strada: giovane ferito

Torna su
BariToday è in caricamento