"Offro il mio posto e lo stipendio per 1 mese". La proposta choc dell'ad di Miragica

Stefano Cigarini cederà le sue mansioni dopo una selezione che premierà il migliore: "Dobbiamo sfatare il mito delle raccomandazioni". I candidati dovranno inviare una mail con un piano marketing da loro stessi creato

L'amministratore delegato di Miragica, Stefano Cigarini, dopo il tam-tam mediatico a seguito delle sue dichiarazioni riguardanti i lavoratori del parco, rei di abbandonare dopo pochi giorni e senza preavviso, rinunciando a uno stipendio di 800 euro al mese, lancia una nuova provocazione: "Offro il mio posto di lavoro ed il mio stipendio da amministratore delegato per un mese al più meritevole chiunque esso sia e se funziona saremo felici di valutare una continuazione del rapporto".

LA CANDIDATURA - Per concorrere al posto gli aspiranti candidati dovranno presentare entro il 20 luglio prossimo  un piano commerciale che preveda in massimo tre pagine "le Strategie e Azioni a breve termine" per incrementare del 10% le vendite di biglietti nel mese di agosto. La mail dovrà essere spedita a marketing@miragica.com

Secondo Cigarini "dobbiamo sfatare il mito, o più spesso la scusa, che nel lavoro si vada avanti per raccomandazioni o percorsi poco chiari''. Un ruolo di amministratore delegato con relativo lauto stipendio per un mese, al migliore. Una proposta che farà discutere, alimentando le discussioni già presenti nei giorni scorsi sui social, blog e siti tra chi sostiene le ragioni di un lavoro non ad ogni costo e coloro che accetterebbero in mancanza di alternative.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

*Ultimo aggiornamento ore 17.30

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tre nuovi casi in Puglia: due sono in provincia di Bari. Non si registrano decessi

  • Pesce e molluschi non tracciati pronti per la vendita: chiuso stabilimento ittico a Bari, scattano sanzioni salate

  • Al ristorante e in auto, stop al distanziamento per congiunti e 'frequentatori abituali': la Regione allenta le restrizioni

  • Spari nel bar affollato dopo la lite in strada, preso 32enne: era anche ricercato per traffico di droga

  • Tre nuovi casi di Coronavirus in Puglia: un contagio registrato in provincia di Bari

  • Due monopattini del servizio sharing rubati e recuperati dalla polizia: uno rintracciato in tempo reale grazie al segnale gps

Torna su
BariToday è in caricamento