Associazione mafiosa e traffico di droga, condanne definitive per clan Strisciuglio: 20 arresti

L'operazione eseguita all'alba dai carabinieri del Reparto Operativo, che hanno eseguito 20 provvedimenti di carcerazione per condanne definitive emesse dalla Procura Generale presso la Corte d'Appello di Bari

Condanne definitive per venti presunti affiliati al clan Strisciuglio, accusati a vario titolo dei reati di associazione mafiosa e traffico di droga. I provvedimenti di carcerazione, dopo le condanne emesse dalla Procura Generale presso la Corte d'Appello di Bari, sono state eseguite all'alba di oggi dai carabinieri del Reparto Operativo. Gli arrestati sono ritenuti appartenenti al clan attivo in particolare nei quartieri Libertà, San Pio, Carbonara, Borgo Antico, San Girolamo e in altri comuni limitrofi al capoluogo.

Queste le persone condannate:

- Michele Ciani, 36enne, condannato ad anni 7 e mesi 6 reclusione per traffico di sostanze stupefacenti;

-  Nicola Ciaramitaro, 29enne, condannato ad anni 1 e mesi 6 reclusione per associazione mafiosa;

-  Carlo D’Ambruoso, 30enne, condannato ad anni 7 e mesi 6 reclusione per traffico di sostanze stupefacenti;

- Carlo Iacobbe, 46enne, condannato ad anni 15 e mesi 3 di reclusione per associazione mafiosa;

-  Michele Miccoli, 36enne, condannato ad anni 6, mesi 10 e giorni 26 di reclusione per traffico di sostanze stupefacenti;

- Giuliana Mirizzi, 36enne, condannata ad anni 7 e mesi 2 di reclusione per traffico di stupefacenti;

- Vito Monno, 38enne, condannato ad anni 4 e mesi 11 di reclusione per traffico di sostanze stupefacenti;

- Giovanni Nitti, 36enne, condannato ad anni 8 di reclusione per traffico di sostanze stupefacenti;

- Antonio Patruno, 44enne, condannato ad anni 2 e mesi 3 di reclusione per traffico di sostanze stupefacenti;

- Massimo Emiliano Patruno, 43enne, condannato ad anni 8 di reclusione per traffico di sostanze stupefacenti;

- Giampiero Savarese, 36enne, condannato ad anni 8 di reclusione per traffico di sostanze stupefacenti;

- Nicola Santirocco, 34enne, condannato ad anni 4, mesi 11 e giorni 11 per associazione mafiosa;

- Vincenzo Sisto, 35enne, condannato ad anni 8 per associazione mafiosa;

- Damiano Spano, 38enne, condannato ad anni 4 e mesi 6 di reclusione per associazione mafiosa;

- Valerio Violante, condannato ad anni 8 di reclusione per associazione mafiosa;

- Luigi Spano, 38enne, condannato ad anni 6, mesi 11 e giorni 1 di reclusione per associazione mafiosa;

- Leonardo De Filippis, 28enne, condannato ad anni 6, mesi 2 e giorni 17 di  reclusione per traffico di sostanze stupefacenti;

- Giorgio Fanelli, 35enne, condannato ad anni 8 e mesi 2 di reclusione per traffico di sostanze stupefacenti;

- Vito Valentino, 31enne, condannato ad anni 8 e mesi 2 di reclusione per traffico di sostanze stupefacenti;

- Luca Sebastiano, 36enne, condannato ad anni 8 di reclusione per associazione mafiosa.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Cade in moto sul lungomare: muore 54enne

  • Sport

    Foggia-Bari, derby allo 'Zaccheria' 21 anni dopo: galletti col tridente Galano-Floro-Cissè

  • Cronaca

    Sorpresi con una pistola rubata nell'auto: quattro baresi arrestati nel Materano

  • Cultura

    Otto giorni nel segno del cinema, parte il Bif&st 2018: al Petruzzelli l'incontro con Piefrancesco Favino

I più letti della settimana

  • Blitz della Dda contro il clan Capriati, 18 in manette: i nomi degli arrestati

  • Droga, armi ed estorsioni: blitz della polizia, 18 arresti nel clan Capriati

  • Vigili fermano Smart per un controllo: scoperto "sequestro" di un bimbo di 3 anni, due arrestati

  • Intasca tremila euro da un imprenditore: arrestato dirigente del Policlinico

  • Podista colpito da infarto durante Vivicittà, scattano i soccorsi. Gli organizzatori: "Possedeva un certificato medico agonistico"

  • Dalle estorsioni alle attività nel porto, così il clan Capriati si era riorganizzato: "Puntava a infiltrarsi nel tessuto economico della città"

Torna su
BariToday è in caricamento