Finisce in carcere un affiliato al clan Parisi: condanna per usura ed estorsione aggravata

Il 69enne barese Giuseppe Cortigiano è stato rintracciato ieri dagli agenti di polizia, che gli hanno notificato l'ordine di detenzione. Dovrà scontare la pena definitiva di quattro anni, sei mesi e 20 giorni di reclusione

Finisce in carcere un altro affiliato del clan Parisi, di cui 56 affiliati sono al momento sotto processo per le estorsioni nei cantieri edili di Bari e provincia, dove imponenevano la loro volontà con intimidazioni e violenze. Nella giornata di ieri è stato arrestato uno degli affiliati al clan, Giuseppe Cortigiano. Il 69enne barese, accusato di usura ed estorsione aggravata dal metodo mafioso, è stato rintracciato dagli agenti, che gli hanno notificato l'ordine di carcerazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cortigiano dovrà ora scontare la pena definitiva di quattro anni, sei mesi e 20 giorni di reclusione nel carcere di Bari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Barese, ragazzino di 12 anni muore soffocato da una mozzarella

  • Traffico di droga, blitz dei carabinieri nel Barese: smantellata banda, undici arresti

  • Giovane assalita da gruppetto di ragazze per le strade dell'Umbertino: "Erano quindici contro una"

  • Incidente sulla Statale 16, moto urta tir e finisce sull'asfalto: centauro travolto da auto e ferito

  • Fiumi di droga nel Barese, il capo gestiva il sistema dal carcere: acquirenti 'attesi' nella palazzina in centro a Mola

  • Si addormenta alla guida e si schianta fuori strada: ramo ferisce gravemente alla testa una donna

Torna su
BariToday è in caricamento