Finisce in carcere un affiliato al clan Parisi: condanna per usura ed estorsione aggravata

Il 69enne barese Giuseppe Cortigiano è stato rintracciato ieri dagli agenti di polizia, che gli hanno notificato l'ordine di detenzione. Dovrà scontare la pena definitiva di quattro anni, sei mesi e 20 giorni di reclusione

Finisce in carcere un altro affiliato del clan Parisi, di cui 56 affiliati sono al momento sotto processo per le estorsioni nei cantieri edili di Bari e provincia, dove imponenevano la loro volontà con intimidazioni e violenze. Nella giornata di ieri è stato arrestato uno degli affiliati al clan, Giuseppe Cortigiano. Il 69enne barese, accusato di usura ed estorsione aggravata dal metodo mafioso, è stato rintracciato dagli agenti, che gli hanno notificato l'ordine di carcerazione. 

Cortigiano dovrà ora scontare la pena definitiva di quattro anni, sei mesi e 20 giorni di reclusione nel carcere di Bari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Finanza a Bari, raffica di arresti e sequestri: smantellato traffico di armi e droga dall'Albania

  • Grave incidente tra due auto: morti un uomo e una donna. Deceduto anche il loro cagnolino

  • Traffico di droga e armi dall'Albania, quindici arresti a Bari: i nomi

  • Allarme bomba in piazza Moro, trovato borsone sospetto: l'area è stata transennata

  • Fulmine colpisce aereo Ryanair, odissea per i passeggeri del Bari-Londra: partiti con 10 ore di ritardo

  • Le orecchiette di Bari vecchia finiscono sul New York Times: in prima pagina il "crimine della pasta"

Torna su
BariToday è in caricamento