Corte d'Appello sospende multe ai vertici della Banca Popolare di Bari: accolta l'istanza dell'istituto

Nei giorni scorsi la Consob aveva elevato sanzioni per 1,95 milioni di euro. Il procedimento proseguirà nelle prossime settimane con la comparizione delle parti

E' stata disposta, dalla Corte d'Appello di Bari, la sospensiva del provvedimento con cui la Consob aveva multato, nei giorni scorsi, i vertici della Banca Popolare di Bari e lo stesso istituto in qualità di responsabile amministrativo, per complessivi 1,95 milioni di euro. La Corte d'appello ha accolto, inaudita altra parte, l'impugnazione della banca. Le sanzioni decise dalla Consob riguardavano presunte responsabilità contestate ai dirigenti dell'istituto, ovvero 495 mila euro nel contesto degli aumenti di capitale del 2014 e 2015, la restante parte riferita ad operazioni successive. Il procedimento proseguirà nelle prossime settimane con la comparizione delle parti.

In particolare, per la Consob, vi sarebbero state, nei prospetti per gli aumenti di capitale del 2014 e 2015, informazioni incomplete sulla determinazione del prezzo delle azioni. Contestata anche l'ipotesi che in seguito vi sarebbero state "carenze procedurali" e "irregolarità comportamentali" nelle fasi di valutazione dell'adeguatezza di alcuni investimenti rispetto al profilo dei clienti.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Abbonamenti abusivi alla tv a pagamento, blitz in Italia e in Europa: scattano gli arresti, centrale anche a Bari

  • "Autovelox a Santa Caterina", la voce corre su social e smartphone. La Polstrada: "Nessuna comunicazione ricevuta"

  • Desiderate che il vostro bucato sia profumato? Tutto dipende dalla pulizia della vostra lavatrice

  • Omicidio a San Pio, proseguono le indagini sul delitto. Michele Ranieri cognato di Vincenzo Strisciuglio

  • Svaligiano appartamento di un'anziana, scatta l'inseguimento per le vie di Carrassi: presi due giovani

  • Furto notturno nella stazione di servizio: ladri in fuga dalla polizia si schiantano contro recinzione

Torna su
BariToday è in caricamento