Famiglia pugliese beffata in un bar di Roma: 120 euro per quattro panini e quattro bibite perché "vicini al Vaticano"

In un bar di Roma per quattro panini, altrettante bibite e una bottiglietta d'acqua, una famiglia pugliese in gita ha speso 120 euro nei pressi del Vaticano

Via della Conciliazione a Roma

"Ancora un altro danno all’immagine di Roma" bolla così l'assessore al Turismo Carlo Cafarotti la notizia riportata da Il Messaggero di uno scontrino da 119,34 centesimi euro battuto da un bar nei pressi di San Pietro per quattro panini e quattro bibite: "Parimenti è assurda la risposta del locale in questione, il cui direttore liquida le lamentele sui prezzi con una “visione soggettiva del caro o non caro”, giustificandoli in ogni caso con la prossimità al Vaticano"

A denunciare l'accaduto è stata una famiglia pugliese composta da madre, padre e due figli di 11 e 15 anni. Quasi 120 euro per tre hot dog, un panino prosciutto e formaggio, quattro lattina di Coca-Cola, una bottiglia d'acqua e 17,34 euro per il "servizio". 

Una gita salata che ha fatto saltare dalla sedia persino l'assessore capitolino: "Questo conto salatissimo non lo pagano solo i malcapitati turisti, ma l’intera città. Essere vicini ai siti d’interesse non legittima costi irragionevoli, tutt’altro. Significa invece farsi portavoci della miglior accoglienza possibile, significa incidere positivamente o negativamente sulla fama di Roma nel mondo, sulla decisione di tornare a trovarci e a spendere nei nostri (nei vostri) bar, hotel, negozi, ristoranti. Basta scontrini stellari, si rasentano truffe ai danni di chi viene a visitarci, sia che parta da zone limitrofe, sia che arrivi dall’altra parte del mondo"

Cafarotti aggiunge: "Il prossimo step, l’impegno che mi assumo, è quello di dar vita a un marchio a garanzia di qualità dei prodotti Made in Roma, come pure delle attività ricettive che abbiano un rapporto onesto qualità-prezzo. Roma è stanca di chi abusa, non è più disposta a pagare il conto di qualcuno che getta un’ombra immeritata sull’intera filiera di settore"

Questa la testimonianza della vittima dello scontrino salato a Il Messaggero: "Sabato 2 novembre abbiamo appena finito di visitare i Musei Vaticani e la Cappella Sistina, ha iniziato a piovere, quindi siamo andati in questo caffè. Ci siamo seduti, mio ​​figlio ha scelto un hot dog nel menu. Sarò sincero, non ho prestato molta attenzione al prezzo a causa del tipo di piatto che ha ordinato, io e mia moglie ne abbiamo ordinati altri due, più un sandwich e 4 lattine di Coca-Cola più una bottiglietta di acqua minerale. Quando mi hanno portato il conto, sono rimasto più che sorpreso: immagina, la sera prima siamo andati in un ristorante vicino al Pantheon e abbiamo trascorso un po 'meno per una cena completa! ”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabiniere in auto con la cocaina, sorpreso dai colleghi durante un controllo: arrestato

  • Riecco Checco Zalone: ecco il manifesto di 'Tolo Tolo, il film al Cinema dal 1 gennaio 2020

  • Isabella, la Monica Bellucci di Molfetta che ha rubato il cuore all'ex tronista Francesco Monte: "E' speciale perché è normale"

  • Da Mola a New York conquista i vip con la cucina pugliese, la storia di Pasquale: "Quegli spaghetti alla San Giuannidd a casa di McCartney"

  • Trovato morto nelle acque di Palese: per i familiari Roberto è stato ucciso, per la Procura incidente o malore

  • Tolo Tolo, il film di Checco Zalone girato anche a Bari fa il boom di "spettatori" (e non è ancora uscito al cinema)

Torna su
BariToday è in caricamento