Primo decesso per Coronavirus a Modugno, il dolore del sindaco Magrone: "Una sconfitta di tutti"

La comunicazione del primo cittadino con un post su Fb, nel quale Magrone ribadisce anche l'impossibilità di avere dati certi sul numero di contagi nel Comune: "A noi sindaci comunicati dati assolutamente inattendibili"

C'è il primo decesso per Coronavirus a Modugno. La notizia arriva dal sindaco Nicola Magrone, con un post su Fb pubblicato domenica sera. "Mi dispiace moltissimo, lo sento come una sconfitta di tutti noi e faccio le mie più affettuose condoglianze ai parenti della persona morta", scrive Magrone, che poi ribadisce l'impossibilità, come sindaco, di fornire dati certi sulla diffusione del virus nella cittadina: "Accade - scrive Magrone - in una situazione che per Modugno, dal punto di vista dei contagi, rimane stabile, secondo il Bollettino della Regione Puglia, tra 11 e 20 casi. Al riguardo, è tutto quello che posso dire, perché, come ho più volte ripetuto, i dati che ci vengono comunicati - a tutti noi sindaci, non solo a me - sono assolutamente inattendibili, da ogni punto di vista e ogni giorno che passa. Anche di questo decesso abbiamo avuto notizie solo dai famigliari della persona morta".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco torna quindi a bacchettare in maniera dura quanti invece continuano ad uscire di casa, ignorando divieti e raccomandazioni ad evitare il più possibile le uscite per contenere i contagi: "Con questo animo, dunque, sono ancora più irritato per tutti coloro che se ne fottono del mondo e del morbo e che continuano a uscire, pur non avendone necessità, con una scusa o un’altra o addirittura senza alcuna scusa. Se riuscissero a provare un po’ del dolore che ci sta attorno, quello dei parenti delle persone morte, quello delle famiglie che non hanno da mangiare, quello delle persone ammalate che strappano i giorni in solitudine, si sentirebbero quei mentecatti che sono e rinuncerebbero a fare le porcherie che fanno, mettendo in pericolo la vita di tanti di noi. Restate a casa. State al sicuro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • "Se mi riprendi ti butto a mare": giornalista e operatore Rai aggrediti sul lungomare mentre filmavano gli assembramenti

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Superbonus al 110%, ristrutturare casa a costo zero: chi può richiedere la detrazione e quali lavori effettuare

  • Coronavirus, al via i test sierologici gratuiti per l'indagine nazionale: 27 i Comuni della provincia di Bari coinvolti

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

Torna su
BariToday è in caricamento