Genitori ricoverati per coronavirus, due adolescenti in quarantena soli a casa: l'aiuto di Carabinieri, parenti, amici e Comune

I ragazzi ricevono sostegno dagli educatori della cooperativa Gea e passano il tempo tra videochiamate e messaggi con i loro amici e i parenti, per andare avanti in queste giornate complicate

Da una decina di giorni una ragazza di 16 anni e suo fratello di 14 sono in isolamento a casa dopo che i due genitori, entrambi positivi al coronavirus, sono finiti in ospedale: accade a Bari dove i due adolescenti, in queste giornate, stanno ricevendo le costanti attenzioni di amici, familiari, dei servizi sociali comunali e dei Carabinieri, colleghi del padre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I ragazzi ricevono sostegno dagli educatori della cooperativa Gea e passano il tempo tra videochiamate e messaggi con i loro amici e i parenti, per andare avanti in queste giornate complicate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si chiama ''1997 BQ'' ed è il gigantesco asteroide in avvicinamento alla Terra

  • Incidente mortale sulla SS100: impatto camion-auto, strada chiusa al traffico

  • "Se mi riprendi ti butto a mare": giornalista e operatore Rai aggrediti sul lungomare mentre filmavano gli assembramenti

  • Le Frecce Tricolori tornano a Bari: il 28 maggio tappa del 'Giro d'Italia' per le vittime del Covid-19

  • In Puglia 27 nuovi casi di Coronavirus, Lopalco rassicura sull'impennata dei contagi: "Numeri riferiti a periodi precedenti"

  • Sette grandi personalità per far ripartire la Puglia: è il gruppo strategico nominato da Michele Emiliano

Torna su
BariToday è in caricamento