Corso Cavour, sgombrati i tre senza fissa dimora

Intervento della Polizia Municipale dopo le denunce di commercianti e residenti: "Trovavamo buste piene di escrementi davanti ai nostri negozi"

Ore di tensione in corso Cavour. Stamattina commercianti e residenti hanno allertato le forze dell’ordine per denunciare lo stato di abbandono e sporcizia generato dalla presenza di tre senza fissa dimora davanti alla chiesa del Sacro Cuore. Materassi, stoviglie, coperte, poltrone, cuscini e bottiglie di vino ostacolavano il normale passaggio pedonale e la situazione era oramai divenuta insopportabile. L’intervento massiccio della polizia municipale ha permesso lo sgombero della zona. Non sono mancati momenti di agitazione, tanto che è stato necessario il ricorso ad un'altra pattuglia dei vigili urbani per cercare di controllare la situazione.

“Sono cinque mesi che vediamo atto osceni in luogo pubblico – afferma Letizia S., residente di via Cardassi - . La strada era divenuta infrequentabile, queste persone andrebbero curate e accolte in luoghi protetti”. “Da settimane, ogni mattina, apro il negozio e trovo buste piene di escrementi - commenta un commerciante - siamo stufi, paghiamo le tasse e pretendiamo almeno che nella zona non ci sia un degrado di questo tipo, i clienti preferiscono non passare più da queste parti e i danni sono tutti nostri”. C’è anche chi ha denunciato ai poliziotti municipali di aver visto due dei clochard spogliarsi per consumare un rapporto sessuale: “Una cosa indegna – commenta una giovane donna –. Stavo parcheggiando la macchina e ho deciso di allontanarmi. Ma dov’è il Comune?”.

Dopo ore di negoziazione, la trattativa è andata in porto. I tre sono stati convinti a trasferirsi in ospedale per le cure mediche del caso e successivamente in una struttura di ricovero per senza fissa dimora. Necessario l’intervento dell’Amiu per la rimozione delle masserizie e la pulizia del marciapiede. “Siamo in corso Cavour, ad un isolato dal teatro Petruzzelli e per cinque mesi abbiamo dovuto assistere a scende di degrado davvero disgustose”, commenta un residente. “Ora speriamo che siano curati a dovere e che accettino di essere ospitati nelle strutture comunali”.

Irma Melini, consigliera circoscrizionale di Madonnella: “Dopo mesi di denunce siamo arrivati ad una soluzione, purtroppo l’amministrazione ha perso tempo, tanto da creare tensione e sconforto nei cittadini, costretti ad assistere a scene inqualificabili”. “Ora – conclude Melini – monitoreremo la situazione per evitare che situazioni del genere possano ripetersi, ma il Comune deve ascoltarci prima”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

  • L'estate non decolla su Bari e provincia: in arrivo forti raffiche di vento, nuova allerta meteo

  • La protesta dei 'gilet arancioni' in piazza Prefettura a Bari : "Il governo deve andare a casa"

Torna su
BariToday è in caricamento