Santa Rita e Loseto, blitz notturno di Decaro tra le discariche di rifiuti edili nelle campagne

Il primo cittadino ha visitato lui stesso l'area con il presidente di Municipio Acquaviva. E annuncia: "E' colpa degli imprenditori, chiederò di avviare un'indagine"

Un sabato sera 'alternativo' quello vissuto ieri dal sindaco di Bari, Antonio Decaro. Insieme al presidente del quarto Municipio, Nicola Acquaviva, ha effettuato un 'tour' nelle aree di campagna tra Santa Rita e Loseto, mostrando in diretta le tante discariche di rifiuti presenti nel verde. Tra queste, ne spuntano diverse composte da materiale di risulta edile, soprattutto cartongesso che, come ricorda il primo cittadino "sono pronte a essere bruciate".

Ingrombranti e rifiuti speciali in campagna

Sono comuni, infatti, i roghi di rifiuti in zona: "Solo ieri a Loseto ce ne hanno segnalati due" dice a favor di camera il primo cittadino, che poi punta il dito contro le imprese edili che vengono a scaricare qui i rifiuti che non vogliono smaltire. E che il Comune non può neanche far rimuovere. "Tocca al proprietario del terreno farlo - ricorda - con costi che possono raggiungere anche i 10mila euro. E magari non sa neanche che si tratta di rifiuti speciali. Noi possiamo solo fare un'ordinanza".

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

"Aprirò un'indagine"

Un sistema collaudato, come conferma anche Decaro: "Non si tratta di un cittadino che abbandona un sacchetto per strada, ma di un sistema ben collaudato. Si tratta di proprietari di aziende edili che non vogliono portare il materiale in discarica per risparmiare sui costi". E annuncia che chiederà alle Forze dell'ordine di indagare sul fenomeno, mentre come deterrente temporaneo userà le fototrappole, che già hanno incastrato anche imprenditori 'sporcaccioni' in città.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Donato
    Donato

    Michele ore 9,41. Hai ragione!

  • Non è per risparmiare sui costi. Forse per speculare perché dal committente si fanno pagare gli oneri in discarica controllata che poi non la fanno. La realtà è anche che sono lavori in nero e non vogliono lasciarne traccia.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tentò di uccidere la moglie e ferì la figlia: chiesta condanna a 20 anni per un 44enne

  • Regione Puglia

    Tra vetro, legno e poltrone rosse, il Consiglio regionale ha la sua nuova casa: prima seduta in via Gentile

  • Scuola

    L'amore per la natura si impara a scuola: alla Lombardi nasce l'orto didattico

  • Politica

    Consiglio comunale ancora 'bloccato': a vuoto la quarta conferenza dei capigruppo consecutiva

I più letti della settimana

  • Il nuovo film di Checco Zalone uscirà a Natale 2019: "Si chiamerà Tolo Tolo"

  • Aereo colpito da un fulmine, paura tra i passeggeri in arrivo a Bari

  • Mafia e scommesse online, in 21 a processo. Tommy Parisi viola domiciliari e torna in carcere

  • Si addormenta in treno e 'salta' la stazione di arrivo: adolescente ritrovata a Bari

  • Inseguimento per le strade di Matera, arrestati tre ladri baresi in trasferta: la refurtiva era nell'auto

  • Esulta al gol di Di Cesare durante Locri-Bari, ma si sporge troppo dalla ringhiera e cade: tifoso biancorosso in ospedale

Torna su
BariToday è in caricamento