Carico di marijuana nascosto nel doppiofondo dell'auto: 24enne in manette

La scoperta è avvenuta dopo controlli della Guardia di Finanza e dell'Agenzia delle Dogane nel porto di Monopoli: la droga era contenuta all'interno di una Ford Mondeo, guidata da un giovane albanese

Venticinque kg di marijuana sono stati rinvenuti all'interno del doppiofondo di una Ford Mondeo, scoperta nell'area portuale di Monopoli dalla Guardia di Finanza e dall'Agenzia delle Dogane. Un cittadino albanese di 27 anni, conducente del mezzo, è stato arrestato per traffico internazionale di stupefacenti. La droga è stata individuata dopo alcuni controlli effettuati da militari e funzionari.

VIDEO: LA SCOPERTA DI GDF E DOGANIERI

All'interno dell'auto era stato ricavato un vano al quale si accedeva attraverso piccole botole sotto i parafanghi posteriori e visibili solo dopo aver smontato le ruote anteriori. Il presunto corriere, secondo gli investigatori, era verosimilmente diretto verso il Nord Italia. In queste ore sono in corso accertamenti per individuare i destinatari della partita di marijuana.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Cade in moto sul lungomare: muore 54enne

  • Sport

    Foggia-Bari, derby allo 'Zaccheria' 21 anni dopo: galletti col tridente Galano-Floro-Cissè

  • Cronaca

    Sorpresi con una pistola rubata nell'auto: quattro baresi arrestati nel Materano

  • Cultura

    Otto giorni nel segno del cinema, parte il Bif&st 2018: al Petruzzelli l'incontro con Piefrancesco Favino

I più letti della settimana

  • Blitz della Dda contro il clan Capriati, 18 in manette: i nomi degli arrestati

  • Droga, armi ed estorsioni: blitz della polizia, 18 arresti nel clan Capriati

  • Vigili fermano Smart per un controllo: scoperto "sequestro" di un bimbo di 3 anni, due arrestati

  • Intasca tremila euro da un imprenditore: arrestato dirigente del Policlinico

  • Podista colpito da infarto durante Vivicittà, scattano i soccorsi. Gli organizzatori: "Possedeva un certificato medico agonistico"

  • Dalle estorsioni alle attività nel porto, così il clan Capriati si era riorganizzato: "Puntava a infiltrarsi nel tessuto economico della città"

Torna su
BariToday è in caricamento