Costringe dipendenti di un asilo nido ad accettare stipendi ridotti, arrestato amministratore di cooperativa barese

Ai domiciliari è finito un 54enne, a capo di una società attiva nella gestione di nidi comunali a Polignano a Mare, Sammichele e in tre centri del Brindisino, Francavilla Fontana, Villa Castelli e Carovigno

Avrebbe costretto le dipendenti ad accettare retribuzioni inferiori per oltre il 40% rispetto a quelle previste: la Guardia di Finanza ha arrestato un 54enne, amministratore di una società cooperativa con sede nella provincia di Bari, attiva nella gestione di asili nido comunali a Polignano a Mare, Sammichele e in tre centri del Brindisino, Francavilla Fontana, Villa Castelli e Carovigno. L'imprenditore, residente nel Barese, si trova ai domiciliari. Le accuse riguardano presunte condotte estorsive nei confronti di 11 dipendenti impiegati nella struttura di Francavilla Fontana. L'ordinanza è stata emessa dal Gip del tribunale di Brindisi su richiesta della Procura messapica.

L'inchiesta della Guardia di Finanza

In base alle indagini della Gdf e a controlli dell'Ispettorato del Lavoro,  il 54enne non avrebbe riconosciuto alle dipendenti le maggiori somme a loro spettanti. L'imprenditore, pur avendo emesso a loro favore alcuni assegni bancari, le avrebbe costrette ad effettuare prestazioni lavorative gratis per due mesi.

(Ulteriori particolari su Brindisi Report)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investito mentre attraversa la Tangenziale: un morto. Traffico bloccato sulla Statale 16

  • Il dolore per Ivan, morto in uno schianto in moto a 17 anni: "Ora sei un angelo, ti ricorderemo sempre"

  • Pitbull senza guinzaglio semina il panico in pizzeria: si avventa contro cagnolino e lo uccide

  • Schianto con la moto alla zona industriale: muore ragazzo di 17 anni, ferito l'amico

  • Sparatoria tra la folla nel centro storico di Bitritto: feriti un passante e un pregiudicato

  • Incidente in Tangenziale all'altezza di Santa Fara: traffico in tilt e code per chilometri

Torna su
BariToday è in caricamento