Costringe dipendenti di un asilo nido ad accettare stipendi ridotti, arrestato amministratore di cooperativa barese

Ai domiciliari è finito un 54enne, a capo di una società attiva nella gestione di nidi comunali a Polignano a Mare, Sammichele e in tre centri del Brindisino, Francavilla Fontana, Villa Castelli e Carovigno

Avrebbe costretto le dipendenti ad accettare retribuzioni inferiori per oltre il 40% rispetto a quelle previste: la Guardia di Finanza ha arrestato un 54enne, amministratore di una società cooperativa con sede nella provincia di Bari, attiva nella gestione di asili nido comunali a Polignano a Mare, Sammichele e in tre centri del Brindisino, Francavilla Fontana, Villa Castelli e Carovigno. L'imprenditore, residente nel Barese, si trova ai domiciliari. Le accuse riguardano presunte condotte estorsive nei confronti di 11 dipendenti impiegati nella struttura di Francavilla Fontana. L'ordinanza è stata emessa dal Gip del tribunale di Brindisi su richiesta della Procura messapica.

L'inchiesta della Guardia di Finanza

In base alle indagini della Gdf e a controlli dell'Ispettorato del Lavoro,  il 54enne non avrebbe riconosciuto alle dipendenti le maggiori somme a loro spettanti. L'imprenditore, pur avendo emesso a loro favore alcuni assegni bancari, le avrebbe costrette ad effettuare prestazioni lavorative gratis per due mesi.

(Ulteriori particolari su Brindisi Report)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nonnina fortunata a Bari: 90enne si aggiudica 200mila euro al Gratta e Vinci

  • Coronavirus, caso sospetto a Bari: accertamenti su paziente ricoverata al Policlinico, rientrava dalla Cina

  • Ludovica volata via a soli 18 anni, il Ministero le concede il diploma alla memoria: "Una borsa di studio in suo onore"

  • La dea bendata bacia anche Rutigliano: sbancato il gratta e vinci, fortunato si aggiudica 2 milioni di euro

  • "Da qui non esci vivo", imprenditore vittima d'estorsione legato e minacciato per una denuncia: arrestato 'U can'

  • Auto in sosta 'impacchettata' con la carta regalo: "Hai capito che qui non devi parcheggiare?"

Torna su
BariToday è in caricamento