"Ha rubato un cofanetto, fate attenzione" e il farmacista posta la foto su Facebook

Denuncia del titolare di un esercizio di via Sparano; il furto sarebbe avvenuto ieri pomeriggio. Nel fotogramma si nota un ragazzo con le scarpe verdi uscire dal punto vendita con una scatola rosa

Una foto su facebook per denunciare un furto nel proprio esercizio: "Amici commercianti di Bari, occhio a quest'uomo con le scarpe verdi. Ci ha rubato un cofanetto di cosmetica da 90 euro". A scriverlo, il titolare della Farmacia Giua di via Sparano: nelle immagini di una telecamera di sicurezza, postate sul social network, risalenti a ieri pomeriggio, si nota un ragazzo con una scatola rosa uscire dal punto vendita mentre parla al telefono. Il prodotto, in base a quanto scritto su Facebook, sarebbe stato portato via senza pagare: di qui l'appello agli altri negozianti baresi, nel prestare attenzione in questi giorni di shopping e maggiore movimento di gente nel Murattiano. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Movimento 5 Stelle: ecco i nomi dei candidati parlamentari a Bari e in provincia

  • Cronaca

    Sassi contro autobus del Real Sannicandro a Vieste: finestrini danneggiati

  • Cronaca

    "Il nuovo parco dei baresi", ultimi collaudi per il giardino di via Suglia a Japigia: tra pochi giorni l'inaugurazione

  • Cronaca

    Cadavere sui binari, disagi sulla linea ferroviaria tra Bari e Foggia

I più letti della settimana

  • Omicidio Andolfi a Carrassi, sparati tre colpi: sicario finge controllo e lo uccide

  • Travolto e ucciso da auto, tre arresti: "Incidente organizzato dai parenti per lucrare sull'assicurazione"

  • Tre rapinatori irrompono in villa a Torre a Mare: pestato ragazzo 21enne

  • Sparatoria per strada a Madonnella: esplosi diversi colpi di pistola

  • Traffico di droga, armi ed estorsioni: condanne definitive, 11 arresti tra Bari e Bitonto

  • Linguaggio in codice e giro d'affari da 2mila euro al giorno: "Così gestivano il mercato della droga nel Barese"

Torna su
BariToday è in caricamento