Minaccia il rivale con una pistola, lui lo gambizza: arrestati

I fatti risalgono allo scorso 24 ottobre. Dopo mesi di indagini i carabinieri hanno arrestato sia il presunto responsabile del ferimento sia la vittima. L'aggressore, infatti, avrebbe fatto fuoco dopo essere stato a sua volta minacciato

Sono stati necessari alcuni mesi di indagini per permettere ai carabinieri di ricostruire con precisione il ferimento del 24enne Ciro Gaudino, avvenuto lo scorso 24 ottobre a Bari.

Il giovane si era presentato al pronto soccorso del Policlinico a bordo di un furgone, accompagnato da un 29enne incensurato, con ferite d'arma da fuoco alla gamba sinistra. Ai carabinieri aveva raccontato di essere stato ferito da ignoti nei pressi della stazione e di essere stato soccorso dal camionista di passaggio, ma la sua versione non aveva convinto gli investigatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così, dopo mesi di indagini, i carabinieri hanno chiuso il cerchio, arrestando il presunto feritore, il 28enne Fabrizio De Marzo, ma anche lo stesso Gaudino. Dalle indagini è emerso infatti che il ferimento avvenne in un autoparco di via Laricchia. Gaudino per primo avrebbe raggiunto uno dei box della struttura e avrebbe minacciato con una pistola De Marzo. Questi reagì e, durante la colluttazione, Gaudino rimase ferito da un proiettile alla gamba sinistra. Il ferito si rifugiò in un furgone a bordo del quale fuggì nonostante De Marzo continuasse a sparare contro il mezzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Ero a fare le pelose" sul lungomare: scatta multa da 3mila euro. A Bari oltre 300 persone in quarantena

  • Positivo al Coronavirus, viola la quarantena ed esce per fare la spesa: barese beccato dai carabinieri

  • Stroncato dal coronavirus a 44 anni: l'addio di amici e colleghi per Luca Tarquinio Coletta, 'gigante buono' della Multiservizi

  • Nonno contagiato dal Coronavirus al San Paolo: in sette vivevano nell'appartamento da 60mq

  • Muore medico barese contagiato dal coronavirus: è la terza vittima in Puglia tra gli operatori sanitari

  • "I non residenti lascino casa per i controlli", nei condomini di Bari numerosi manifesti truffa: indaga la Polizia

Torna su
BariToday è in caricamento