"Fateli scendere": al Fortino il flash mob per i migranti bloccati sulla Sea Watch

La manifestazione, organizzata da Cgil, Cisl e Uil, ha visto la partecipazione di autorità, associazioni e privati cittadini. La richiesta è di far sbarcare i 47 migranti dalla nave che li ha recuperati in mare

Foto copertina e nell'articolo: Fb Cgil Bari

"Fateli scendere". Lo slogan si ripete uguale su striscioni, cartelli e persino su maxi lettere di carta, ognuna sorretta da una parte dei partecipanti al flash mob di solidarietà per i migranti della Sea Watch 3. Come già avvenuto in altre città italiane, anche Bari si mobilita a favore delle 47 persone a cui viene impedito di sbarcare dalla nave al largo del Mar Mediterraneo.

51057934_2101229916627438_6033734245430591488_o-2

E lo fa con un flash mob, tenutosi a partire dalle 17 nello spiazzale esterno del Fortino, sulla Muraglia di Bari. Tante le adesioni alla chiamata dei sindacati Cgil, Cisl e Uil - organizzatori dell'evento - con i sindaci dei comuni della Città metropolitana di Bari e altre autorità, componenti di associazioni impegnate nel sociale, studentesche e privati cittadini che hanno voluto dare il loro sostegno alla causa. Durante il flash mob c'è stato prima un minuto di silenzio, con i presenti in cerchio mano nella mano, mentre le bandiere dell'Italia venivano fatte sventolare sul mare. Cerimonia terminata con un lungo applauso, "un grido silenzioso di umanità - spiega la Cgil Bari su Facebook - rotto dalle note del silenzio suonato a ricordare la strage dei morti nel Mediterraneo". Un incontro che - come hanno ricordato i sindacati nella nota di presentazione - vuole essere un proseguio della manifestazione sul tema che si tiene in giornata a Siracusa, aperta dal discorso del neo segretario generale della Cgil Maurizio Landini. E non è un caso, infatti, che Landini nel suo primo giorno da segretario, abbia voluto visitare il Cara di Palese, centro di accoglienza per migranti al centro di tante polemiche.

51260256_2101230323294064_7162404822790963200_o

"Diventa difficile sopportare che l'incapacità delle istituzioni e dei Governi europei di trovare un accordo sulla gestione dei flussi migratori, - ha detto Giuseppe Boccuzzi, segretario Cisl Bari - possa essere scaricata sulla disperazione di cittadini che vengono da altri Paesi, lasciandoli in balia delle onde e di un destino che diventa sempre più crudele se non gli si dà una prospettiva di accoglienza umana e dignitosa".Intanto dopo il vertice di Nicosia, a cui ha partecipato anche il premier Conte, arrivano buone notizie: Malta, Romania, Portogallo, Francia, Germania, Lussemburgo - i sette Stati che hanno partecipato al summit internazione - hanno dato disponibilità ad accogliere i 47 migranti salvati al largo della Libia il 19 gennaio scorso.

51311750_2101230019960761_3261329071996403712_o-2

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tentò di uccidere la moglie e ferì la figlia: chiesta condanna a 20 anni per un 44enne

  • Regione Puglia

    Tra vetro, legno e poltrone rosse, il Consiglio regionale ha la sua nuova casa: prima seduta in via Gentile

  • Scuola

    L'amore per la natura si impara a scuola: alla Lombardi nasce l'orto didattico

  • Politica

    Consiglio comunale ancora 'bloccato': a vuoto la quarta conferenza dei capigruppo consecutiva

I più letti della settimana

  • Il nuovo film di Checco Zalone uscirà a Natale 2019: "Si chiamerà Tolo Tolo"

  • Aereo colpito da un fulmine, paura tra i passeggeri in arrivo a Bari

  • Mafia e scommesse online, in 21 a processo. Tommy Parisi viola domiciliari e torna in carcere

  • Si addormenta in treno e 'salta' la stazione di arrivo: adolescente ritrovata a Bari

  • Inseguimento per le strade di Matera, arrestati tre ladri baresi in trasferta: la refurtiva era nell'auto

  • Esulta al gol di Di Cesare durante Locri-Bari, ma si sporge troppo dalla ringhiera e cade: tifoso biancorosso in ospedale

Torna su
BariToday è in caricamento