Fuochi d'artificio davanti al carcere: erano per il compleanno di un detenuto

L'episodio dello scorso 12 gennaio, che aveva suscitato clamore e polemiche, non sarebbe stato legato alla scarcerazione del boss Parisi, ma sarebbe stato organizzato per 'festeggiare' il compleanno di un detenuto

Non avrebbe avuto nulla a che vedere con la scarcerazione di Savino Parisi lo spettacolo di fuochi d'artificio che si tenne fuori dal carcere di Bari il 12 gennaio scorso. L'episodio fu interpretato come un 'omaggio' al ritorno in libertà del boss di Japigia, e suscitò numerose polemiche.

In realtà, secondo quanto si è appreso oggi da fonti inquirenti, i fuochi d'artificio sarebbero stati organizzati in occasione del compleanno di un detenuto, Michelangelo Stramaglia, figlio del boss ucciso a Valenzano nell'aprile 2009, in carcere nell'ambito di un'indagine per traffico di armi e droga.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Bancomat nel mirino, tre assalti nella notte

    • Cronaca

      "Pizzo agli ambulanti anche dopo l'arresto", polizia sequestra box al mercato di Santa Scolastica

    • Cronaca

      Santo Spirito, ruspe abbattono il cerchio di cemento in piazza San Francesco

    • Cronaca

      Bitonto, 'usa' il figlio minorenne per nascondere pistola: arrestato 32enne

    I più letti della settimana

    • Dalla politica al porno: la svolta di Milena, nuova star lanciata da Siffredi

    • Sparatoria a Poggiofranco, giovane ferito in Stradella del Caffè

    • Pistola in pugno, assaltano centro medico: rapinatori in fuga con il bottino

    • Pistola carica, droga e giubbotto antiproiettile: controlli e sequestri in città, preso 28enne

    • Venditore ambulante di frutta e verdura, ma spacciava anche cocaina: arrestato

    • Droga, estorsioni e mafia: Dda chiede 49 condanne per presunti esponenti del clan Strisciuglio

    Torna su
    BariToday è in caricamento