Fuochi d'artificio davanti al carcere: erano per il compleanno di un detenuto

L'episodio dello scorso 12 gennaio, che aveva suscitato clamore e polemiche, non sarebbe stato legato alla scarcerazione del boss Parisi, ma sarebbe stato organizzato per 'festeggiare' il compleanno di un detenuto

Non avrebbe avuto nulla a che vedere con la scarcerazione di Savino Parisi lo spettacolo di fuochi d'artificio che si tenne fuori dal carcere di Bari il 12 gennaio scorso. L'episodio fu interpretato come un 'omaggio' al ritorno in libertà del boss di Japigia, e suscitò numerose polemiche.

In realtà, secondo quanto si è appreso oggi da fonti inquirenti, i fuochi d'artificio sarebbero stati organizzati in occasione del compleanno di un detenuto, Michelangelo Stramaglia, figlio del boss ucciso a Valenzano nell'aprile 2009, in carcere nell'ambito di un'indagine per traffico di armi e droga.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Sport

      Cittadella-Bari 2-0: galletti ko, i veneti bissano il successo dell'andata

    • Cronaca

      Goccia del Latte "deturpata da muretto AqP", la denuncia del Comitato Piazza Umberto

    • Cronaca

      Blitz nella notte, confiscati beni per 8 milioni a imprenditore delle slot machine

    • Cultura

      Dall'assaggio al paesagglo, i bimbi baresi alla scoperta dell'olio extravergine d'oliva

    I più letti della settimana

    • Sparatoria a Japigia, 40enne freddato a colpi di pistola

    • Freddato a colpi di pistola in auto: omicidio Barbieri a Japigia, indagini in corso

    • Blitz nella notte, confiscati beni per 8 milioni a imprenditore delle slot machine

    • San Girolamo, scontro tra due auto in tangenziale: un ferito

    • Aiuto cuoco "manolesta", ruba carne e pesce dal ristorante: nei guai 40enne

    • Ceglie del Campo, moto rubate nascoste in un cortile condominiale

    Torna su
    BariToday è in caricamento