Fuochi d'artificio davanti al carcere: erano per il compleanno di un detenuto

L'episodio dello scorso 12 gennaio, che aveva suscitato clamore e polemiche, non sarebbe stato legato alla scarcerazione del boss Parisi, ma sarebbe stato organizzato per 'festeggiare' il compleanno di un detenuto

Non avrebbe avuto nulla a che vedere con la scarcerazione di Savino Parisi lo spettacolo di fuochi d'artificio che si tenne fuori dal carcere di Bari il 12 gennaio scorso. L'episodio fu interpretato come un 'omaggio' al ritorno in libertà del boss di Japigia, e suscitò numerose polemiche.

In realtà, secondo quanto si è appreso oggi da fonti inquirenti, i fuochi d'artificio sarebbero stati organizzati in occasione del compleanno di un detenuto, Michelangelo Stramaglia, figlio del boss ucciso a Valenzano nell'aprile 2009, in carcere nell'ambito di un'indagine per traffico di armi e droga.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      'Rivoluzione' porta a porta, a maggio si comincia con Santo Spirito: in arrivo kit e bidoncini

    • Cronaca

      Filmato mentre faceva sesso con l'amante in azienda: due indagati per diffamazione

    • Cronaca

      San Nicola 2017, il sorteggio dei pescherecci: la statua sarà trasportata da 'Nicolaus'

    • Cronaca

      Torricella, viaggio nel parco giochi colpito dai vandali. I residenti: "Pericoloso per i bambini"

    I più letti della settimana

    • Sparatoria al San Paolo: ucciso dipendente Amiu Michele Amedeo

    • Sorpresi con armi cariche e giubbotti antiproiettile, tre arresti a Japigia: "Pronti a far fuoco"

    • San Nicola e G7, settimana 'di fuoco' per il traffico: stop alle auto sul Lungomare e divieti in centro

    • La terra trema in Puglia: scosse di magnitudo 4 fino al confine tra Bari e Bat

    • Tamponamento auto-moto in tangenziale, code e disagi per gli automobilisti

    • Ritrovato ad Otranto il 25enne Luigi Marchitelli: era scomparso da una settimana

    Torna su
    BariToday è in caricamento