Furti in appartamento tra Bat e Potentino, quattro arresti: a Bari la 'base' della banda

In manette quattro cittadini georgiani. I colpi venivano messi a segno di notte, dopo aver 'studiato' le abitazioni con ripetuti sopralluoghi: un pezzettino di plastica lasciato sotto la porta serviva a verificare se la casa fosse incustodita

Un pezzetto di plastica fluorescente lasciato sotto la porta dell'appartamento preso di mira era la 'prova del nove' prima di passare all'azione: se nel corso del successivo sopralluogo non risultava spostato, era il segno che nella casa non c'era nessuno. Così la banda procedeva con il colpo: messo a segno prevalentemente di notte, tra l'una e trenta e le due, quasi sempre in appartamenti in condominio.

Furti nel Barese, nella Bat e a Potenza

A scoprire e smantellare il gruppo, sottoponendo a fermo quattro cittadini georgiani - due 39enni, un 37enne e un 45enne - sono stati i carabinieri della Compagnia di Andria. Le indagini hanno preso avvio da alcuni furti avvenuti nel gennaio 2019 a Minervino e Spinazzola, nella Bat. Ma secondo quanto emerso dalle indagini, diversi sarebbero i colpi - riusciti e tentati - della banda, oltre che nella Bat anche in provincia di Bari (tra questi un furto avvenuto a Gioia del Colle lo scorso 6 luglio), a Potenza e anche in Calabria. Proprio a Potenza, nei giorni scorsi, sono stati fermati due presunti componenti della banda: qui infatti i carabinieri di Andria, supportati da quelli del Comando Provinciale di Potenza, hanno un’autovettura con a bordo i due nel centro lucano, pronti ad entrare in azione, mentre gli altri due complici sono stati bloccati nei pressi della loro abitazione, a Bari, mentre stavano partendo per raggiungere i due sodali a Potenza.

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Refurtiva recuperata in un'abitazione a Bari

L’immediata perquisizione personale e domiciliare dell’abitazione di Bari, ha consentito il recupero di refurtiva consistente in numerosi monili in oro, orologi e valuta estera, per un valore complessivo di circa diecimila euro. Rinvenuti anche un estrattore di cilindretti per serrature di porte di abitazione, due piastrine metalliche a forma di serratura, una lima, chiavi blindate, nonché numerosi cellulari di vecchia generazione ed un telefono cellulare iphone 5. Sulle rapine e furti in abitazione avvenuti a Minervino Murge ed a Spinazzola, così come su altri analoghi delitti consumati con lo stesso “modus operandi” avvenuti nelle zone sopra citate,  sono ancora in corso indagini da parte dei Carabinieri volte a comprovare le dirette responsabilità degli arrestati.

I quattro cittadini stranieri, che per il loro operare notturno sono stati definiti “i quattro della compieta”, sono stati reclusi presso la Casa Circondariale di Trani. I fermi di indiziati di delitto sono stati poi tutti  convalidati dal GIP del Tribunale di Trani, confermando così l’impianto accusatorio e la custodia cautelare in carcere.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due baresi morti nel terribile incidente di Mottola: le vittime sono tre, altrettanti i feriti di cui uno in gravi condizioni

  • Violenta rissa a Bari, volano calci e pugni in strada: arrestati studente universitario e due trentenni

  • Panico da Coronavirus, l'ordine degli psicologi in Puglia lancia l'allarme: "State lontani dai social, veicolano solo terrore"

  • Scontri tra tifosi baresi e leccesi in autostrada a Cerignola: veicoli in fiamme

  • Cinque casi sovrapponibili al coronavirus in Puglia, scatta il censimento per chi arriva dalle regioni del contagio

  • Donna trovata morta in casa a Bari: l'allarme lanciato dai parenti, era deceduta da un mese

Torna su
BariToday è in caricamento