Furti di auto con estorsioni e spaccio di cocaina nei locali della movida del Sudbarese: 11 denunce

Operazione del Commissariato di Polizia di Monopoli: nel mirino un nascente sodalizio criminale attivo in diversi centri dell'area metropolitana. Le indagini sono durate oltre 5 anni

Undici persone sono state denunciate a seguito di un'indagine della Polizia di Monopoli sul fenomeno dei furti con 'cavallo di ritorno' a Bari, in provincia e a Taranto e sullo spaccio di sostanze stupefacenti.

Indagini durate oltre 5 anni

Il tutto è partito da un furto avvenuto a Bari nel 2013: in quell'occasione vi fu anche un inseguimento di una Fiat Panda da parte della Polizia. Nel corso di questi anni gli agenti hanno rilevato un aumento dei furti con 'cavallo di ritorno', ovvero richiedere una somma di danaro al malcapitato per riottenere l'auto rubata a distanza di pochi giorni. Ritrovamenti sospetti e la scoperta di estorsioni ha poi disegnato il quadro di una possibile organizzazione a capo del fenomeno.

L'ordine delle 'pizze'

Non solo, però, cavalli di ritorno e furti d'auto. Oltre a ciò, gli agenti hanno anche scoperto un giro di droga nei locali della movida del sud-est dell'area metropolitana di Bari, con lo smercio a domicilia di alcune dosi di cocaina, definite 'pizze' nel corso delle comunicazioni tra gli spacciatori e i clienti. Le denunce di oggi avrebbero stroncato la nascita di un nuovo sodalizio criminoso, in formazione nella zona del Sudbarese.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpi di pistola esplosi per strada a San Pio: morto pregiudicato 39enne

  • Week-end del 14 e 15 settembre 2019: gli eventi a Bari e provincia

  • Agguato a San Pio, indagini a tutto campo per l'omicidio Ranieri: forse faida interna agli Strisciuglio

  • Incidente al San Paolo: auto della polizia finisce fuori strada

  • Non paga il parcheggiatore abusivo al molo San Nicola, ragazza trova l'auto danneggiata: "Ora basta"

  • Immobili, imprese e pizzerie a Santo Spirito e Bitonto: confiscati beni a pregiudicato

Torna su
BariToday è in caricamento